Giuda il nano

Giuda il nano

(Giuseppe Diodati alias hariseldom)

che mi ha gentilmente concesso di postarla

 

Lo chiamavamo Giuda
e a Firenze gli altri
erano sempre diversi
Giuda il Nano
perchè era basso
ma non tanto
però era basso.

Non ho mai saputo
se davvero fosse frocio,
si diceva così allora,
ma a noi non importava
Giuda parava bene
ed era ebreo

Ora il suo nome
non lo ricordo
o forse faccio finta,
ma Giuda era sempre Giuda
anche se non tradiva mai
anche se come portiere era basso
per questo nano
già

Eppure una ragazza
gli andava dietro
una di Ponte Vecchio
la più bella della quinta b,
ma lui nulla,
forse per quello
pensammo tutti che era
diverso,
però parava bene
e a noi non c’importava

La squadraccia del teschio
lo prendeva sempre in giro
ma lui non si curava di nulla
con le sue lentiggini
e quel dente storto
e i baffi sporchi di nicotina
perchè fumava Giuda
o se fumava Giuda

Poi imparò un saluto strano
tre dita a fare una pistola
pollice indice e medio
ma a chi vuoi sparare Giuda?
mettiti in porta

Lo leggemmo sui giornali
insieme a quella
della quinta b
ora grande,
c’era la sua foto
la stella a cinque punte,
Giuda era un brigatista
ed era morto
in un conflitto a fuoco
accanto ad una donna
bella
la sua donna

Firenze ha strane ombre
ritagli di giornale
e gatti che sembrano pensare,
chi mai l’avrebbe detto
Giuda un terrorista,
però parava bene cazzo
ma quel cervello
gli doveva esser andato in pappa
in pappa
tra l’Arno e Palazzo Vecchio

Domani

 

Domani 21/04/09
(Artisti uniti per l’Abruzzo, Sugarmusic, 2009)

Gli incassi di questo brano saranno devoluti al Ministero dei Beni Culturali per la ricostruzione delle strutture crollate durante il terremoto che ha colpito l’Aquila il 6 aprile 2009.

Tra le nuvole e i sassi/ passano i sogni di tutti (Ligabue)
passa il sole ogni giorno/ senza mai tardare. (Tiziano Ferro)
Dove sarò domani? (Enrico Ruggeri)
Dove sarò? (Gianni Morandi)
Tra le nuvole e il mare/ c’è una stazione di posta (Franco Battiato)
uno straccio di stella messa lì a consolare (Massimo Ranieri)
sul sentiero infinito (Max Pezzali)
del maestrale (Eugenio Finardi)
Day by day (Zucchero)
Day by day (Cesare Cremonini)
hold me/ shine on me. (Zucchero)
shine on me (Cesare Cremonini)
Day by day save me shine on me (Zucchero, Carmen Consoli, Mauro Pagani, Cesare Cremonini, Eugenio Finardi)
Ma domani, domani,/ domani, lo so (Francesco Renga)
Lo so che si passa il confine, (Roberto Vecchioni)
E di nuovo la vita (Mauro Pagani)
sembra fatta per te (Giuliano Palma)
e comincia (Elio)
domani (Elio e Le Storie Tese, Vittorio Cosma)
domani è già qui (Jovanotti)

rap 1 Estraggo un foglio nella risma nascosto
scrivo e non riesco forse perché il sisma m’ha scosso (Caparezza)

rap 2 Ogni vita che salvi, ogni pietra che poggi, fa pensare a domani ma puoi farlo solo oggi (Frankie Hi NRG)

e la vita la vita si fa grande così (Gianluca Grignani)
e comincia domani (Giuliano Sangiorgi)
Tra le nuvole e il mare si può fare e rifare (Claudio Baglioni)
con un pò di fortuna (Ron)
si può dimenticare. (Luca Carboni)
Dove sarò (Baustelle)
domani? Dove sarò? (Samuele Bersani e Baustelle)
oh oh oh (coro: Carmen Consoli, Antonella Ruggiero, Alioscia, Pacifico, Mango, Massimo Ranieri, Bluvertigo, Nek, Giuliano Palma, Antonello Venditti, Roberto Vecchioni, Albano)

rap 3 Dove sarò domani che ne sarà dei miei sogni infranti, dei miei piani/ Dove sarò domani, tendimi le mani, tendimi le mani (Marracash)

Tra le nuvole e il mare
si può andare e andare (Laura Pausini)
sulla scia delle navi
di là del temporale (Carmen Consoli)
e qualche volta si vede (Nek)
domani (Antonello Venditti)
una luce di prua (Nek)
e qualcuno grida: Domani (Antonello Venditti)

rap 4 Come l’aquila che vola
libera tra il cielo e i sassi siamo sempre diversi e siamo sempre gli stessi
hai fatto il massimo e il massimo non è bastato e non sapevi piangere e adesso
che hai imparato non bastano le lacrime ad impastare il calcestruzzo
eccoci qua cittadini d’Abruzzo
e aumentano d’intensità le lampadine una frazione di
secondo prima della finee la tua mamma,
la tua patria da ricostruire,
comu le scole, le case e specialmente lu core
e puru nu postu cu facimu l’amore (Jovanotti, J Ax, Fabri Fibra e in chiusura Sud Sound System)

non siamo così soli (Giuliano Sangiorgi)
a fare castelli in aria (J Ax e Fabri Fibra)
non siamo così soli (Giuliano Sangiorgi)
sulla stessa barca (J Ax , Fabri Fibra)
non siamo così soli (Giorgia)
a fare castelli in aria (J Ax e Fabri Fibra)
non siamo così soli (Giorgia)
a stare bene in Italia (J Ax e Fabri Fibra)
sulla stessa barca (J Ax)
a immaginare un nuovo giorno in Italia (Giorgia, Giusy Ferreri, Dolcenera, Mario Venuti, Jovanotti, J Ax, Fabri Fibra)
Tra le nuvole e il mare si può andare, andare
Sulla scia delle navi di là dal temporale (Piero Pelù)
Qualche volta si vede una luce di prua e qualcuno grida, domani (Morgan)
Non siamo così soli (Giorgia, Mario Venuti, Giusy Ferreri, Dolcenera, Giuliano Sangiorgi)

(tromba solo di Roy Paci)

Domani è già qui
Domani è già qui (Jovanotti, Marracash, FabriFibra, J Ax)

(Assolo violino Mauro Pagani)

Ma domani domani, domani lo so, lo so, che si passa il confine (Gianna Nannini)
E di nuovo la vita sembra fatta per te e comincia (Elisa) domani (Sud Sound System)
Tra le nuvole e il mare, si può fare e rifare
Con un pò di fortuna si può dimenticare (Manuel Agnelli Afterhours)
E di nuovo la vita, sembra fatta per te (Mango)
E comincia (Niccolò Fabi)

(coro finale)
domani
E domani domani, domani lo so
Lo so che si passa il confine
E di nuovo la vita sembra fatta per te
E comincia domani

(Manuel Agnelli, Dolcenera, Zucchero, Niccolò Fabi, Pacifico, Giusy Ferreri, Alioscia, Pacifico, Max Pezzali, Caparezza, Niccolò Agliardi, Luca Carboni, Roy Paci, Tricarico, Ron, Giuliano Sangiorgi, negramaro, Negrita, Giorgia, Francesco Renga, Malika Ayane, Laura Pausini, Morgan, Jovanotti, Massimo Ranieri, Nek, Enrico Ruggeri, Piero Pelù, Antonello Venditti, Roberto Vecchioni, Carmen Consoli, Mango, Cesare Cremonini, Saturnino)

Domani è già qui, domani è già qui (Jovanotti).

 

 

 

 


Vorrei poter cantare anch’io, ma sono stonata, posso solo donare le mie parole per la terra d’Abruzzo.

Il Drago cattivo si è di nuovo svegliato.
Dalle viscere infuocate della terra vuole uscire.
La sua lunga coda arsa dalla lava
sembra un serpentone impazzito
si dimena si contorce dal dolore
la lava ribolle!
arde la sua carne ormai piagata dal calore
il Drago non ha pace
non riesce a riposare i suo brandelli di pelle doloranti
spacca ferisce la crosta terrestre per uscire
con la sua forza modifica il livello dei mari
devia i piccoli fiumi spariscono i laghi
cadono dai monti grandi massi
dove passa tutto sopra di lui fa crollare
Alcune case stanche di tutto quel tremore
sono tristi si abbandonano
alla furia del Drago cattivo
vogliono morire!
Si arrendono lasciano cadere al suolo
le ultime pietre antiche.
franca bassi

finestra Pictures, Images and Photos

Era bello la mattina
aprire la finestra per vedere
i tetti antichi e uno spicchio di cielo
sentire l’aria fresca dei monti
che sollevava con delicatezza
le tendine di lino bianco
fatte dalle mie mani con amore.
Il rosone mi ricordava la tua chiesa.
Sei nel mio cuore
piccolo borgo antico.
I tuoi vicoli stretti
pieni di voci antiche
la fontanella di acqua gelida
quell’odore nell’aria di legna
e di pane appena fatto.
Ricordo ancora la nonnina
che se ne stava seduta
sul gradino di pietra consumato
era piccola…piccola
nel suo abito nero
che si era fatto largo sul suo corpo
mi sorrideva sempre
e mi seguiva con il suo sguardo mesto
mentre lasciava scorrere
nelle sue mani antiche
il suo rosario di legno consumato.
Chissà! se la statua di legno
della Madonna dormiente
col terremoto s’ è svegliata?
Tornerò un giorno da te piccolo borgo
e cercherò nei tuoi vicoli
la mia fanciulezza i miei ricordi.

franca bassi
Photobucket

Gran Sasso

Nei boschi del Piccolo Tibet
ho visto volare le aquile.
Quando la neve si scioglie
spuntano chiazze verdi
tenere foglioline a forma di cuore
gli ‘orapi’ il pasto preferito
delle mie fate supreme.
Appena il sole scalda la terra
e le valli si mantano di verde
tra le pietre appaiono gocce di cielo blu.
La genziana e le piccole orchidee
pavoneggiano nella loro bellezza.
Con questi ricordi
dobbiamo tornare a volare.

franca bassi

Il mio fiato…

Quando soffia il vento
dalla grande montagna
e la pioggia si ghiaccia
la temperatura scende repentinamente
tutto intorno gela.
Ho visto le mie mani diventare viola
le ossa spaccarsi dal dolore
il mio fiato dal freddo si fa fumo.
Non c’è legna sufficiente
che può donare un sano tepore alla pelle.
Le capanne di tela azzurra
si raffredderanno ancora.
I nostri fratelli patiranno
solo il loro coraggio il grande amore
li aiuterà a superare le avversità.
Conteranno i minuti… le ore…i giorni
nel silenzio della notte
resteranno stretti nelle loro braccia
piangeranno silenziosi i loro cari,
e chiederanno a Dio la forza
di tornare a viviere.

franca bassi

Ferite dell’anima

Alcune ferite guariranno
tante ci vorrà del tempo
altre marciranno
e ci saranno ferite
che sanguineranno per sempre.
Capanne azzurre

Quanta tristezza ho nel cuore,
quante luci intorno si sono spente.
Guardo ammutolita…
divento un’Aquila Reale
scendo dalla cima innevata del Piccolo Tibet,
tutto intorno…fino a valle vedo solo macerie
e tante capanne di tela azzurra
sembra un prato di piccole genziane campestri.
Un Drago cattivo dal sottosuolo
si è svegliato… ha ruggito
quasi un lungo ululato…la terra ha tremato.
Il Drago cattivo con odio
ha lanciato a valle pugni di pietre
alcune si sono sbriciolate
altre si sono posate con rabbia!
altre come fuscelli
di paglia portati lontano dal vento.
Una nuvola di tulle grigio
ha ovattato il pianto il lamento
di chi cerca un ricordo…chi cerca un figlio
chi cerca una vita che non c’è più.
Mi fermo su una rupe lascio le mie piume,
un nodo si ferma nella mia gola secca!
scendono silenziose le lacrime
un grido…ancora un grido…poi silenzio!
Un lungo sibilo un gran fragore
porta con se tutta la vita.
Intorno si sente puzza di morte.
Un brivido…una carezza sulla pelle
poi il buio…il freddo…ancora freddo!
Anche i ricordi si addormentano,
nella mente torna un piccolo sogno
di quando ancora fanciulla
in primavera correvo felice sui prati.
franca bassi

Lode del dubbio

Lode del dubbio
(Bertolt Brecht Augusta, Germania 10/2/1898 – Berlino, Germania 14/8/1956
)

Sia lode al dubbio! Vi consiglio, salutate
serenamente e con rispetto chi
come moneta infida pesa la vostra parola!
Vorrei che foste accorti, che non deste
con troppa fiducia la vostra parola.
Leggete la storia e guardate 
in fuga furiosa invincibili eserciti. 
In ogni luogo
fortezze indistruttibili rovinano e 
anche se innumerabile era l’Armata salpando, 
le navi che tornarono
le si poté contare.
Fu così un giorno un uomo sull’inaccessibile vetta 
e giunse una nave alla fine
dell’infinito mare.
Oh bello lo scuoter del capo 
su verità incontestabili! 
Oh il coraggioso medico che cura 
l’ammalato senza speranza!
Ma d’ogni dubbio il più bello 
è quando coloro che sono
senza fede, senza forza, levano il capo e 
alla forza dei loro oppressori 
non credono più!
Oh quanta fatica ci volle per conquistare il principio!
Quante vittime costò!
Com’era difficile accorgersi
Che fosse così e non diverso!
Con un respiro di sollievo un giorno un uomo 
nel libro del sapere lo scrisse.
Forse a lungo là dentro starà e più generazioni 
ne vivranno e in quello vedranno un’eterna sapienza 
e sprezzeranno i sapienti chi non lo conosce.

Ma può avvenire che spunti un sospetto, di nuove esperienze, 
che quella tesi scuotano. Il dubbio si desta.
E un altro giorno un uomo dal libro del sapere 
gravemente cancella quella tesi.
lntronato dagli ordini, passato alla visita 
d’idoneità da barbuti medici, ispezionato 
da esseri raggianti di fregi d’oro, edificato
da solennissimi preti, che gli sbattono alle orecchie 
un libro redatto da Iddio in persona,
erudito da impazienti pedagoghi, sta il povero e ode 
che questo mondo è il migliore dei mondi possibili e che il buco 
nel tetto della sua stanza è stato proprio previsto da Dio. 
Veramente gli è difficile
dubitare di questo mondo.
Madido di sudore si curva l’uomo
che costruisce la casa dove non lui dovrà abitare.
Ma sgobba madido di sudore anche l’uomo 
che la propria casa si costruisce. 
Sono coloro che non riflettono, a non dubitare mai.
Splendida è la loro digestione, infallibile il loro giudizio. 
Non credono ai fatti, credono solo a se stessi. Se occorre, 
tanto peggio per i fatti. La pazienza che han con se stessi 
è sconfinata. Gli argomenti
li odono con l’orecchio della spia.

Con coloro che non riflettono e mai dubitano 
si incontrano coloro che riflettono e mai agiscono.
Non dubitano per giungere alla decisione, bensì 
per schivare la decisione. Le teste
le usano solo per scuoterle. Con aria grave 
mettono in guardia dall’acqua i passeggeri di navi che affondano. 
Sotto l’ascia dell’assassino
si chiedono se anch’egli non sia un uomo. 
Dopo aver rilevato, mormorando, 
che la questione non è ancora sviscerata, vanno a letto. 
La loro attività consiste nell’oscillare. 
Il loro motto preferito è: l’istruttoria continua. 
Certo, se il dubbio lodate
non lodate però 
quel dubbio che è disperazione!
Che giova poter dubitare, a colui 
che non riesce a decidersi! 
Può sbagliarsi ad agire 
chi di motivi troppo scarsi si contenta, 
ma inattivo rimane nel pericolo 
chi di troppi ha bisogno.
Tu, tu che sei una guida, non dimenticare 
che tale sei, perché hai dubitato 
delle guide! E dunque a chi è guidato 
permetti il dubbio!

Se voi foste persone normali

Se voi foste persone normali
(Moni Ovadia n. a Plovdiv, Bulgaria il 16/4/1946)

 

Se foste un rom, quella di Salvini non vi apparirebbe come la sortita delirante di un imbecille da ridicolizzare.

 

Se foste un musulmano, o un africano, o comunque un uomo dalla pelle scura, il pacchetto sicurezza non lo prendereste solo come l’ennesima sortita di un governo populista e conservatore, eccessiva ma tutto sommato veniale.

Se foste un lavoratore che guadagna il pane per sé e per i suoi figli su un’impalcatura, l’annacquamento delle leggi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro non lo dimentichereste il giorno dopo per occuparvi di altro.

 

Se foste migrante, il rinvio verso la condanna a morte, la fame o la schiavitù, non provocherebbe solo il sussulto di un’indignazione passeggera.

Se foste ebreo sul serio, un politico xenofobo, razzista e malvagio fino alla ferocia non vi sembrerebbe qualcuno da lusingare solo perché si dichiara amico di Israele.

 

Se foste un politico che ritiene il proprio impegno un servizio ai cittadini, fareste un’opposizione senza quartiere ad un governo autoritario, xenofobo, razzista, vigliacco e malvagio.

Se foste un uomo di sinistra, di qualsiasi sinistra,non vi balocchereste con questioni di lana caprina od orgogli identitari di natura narcisistica e vi dedichereste anima e corpo a combattere le ingiustizie.

Se foste veri cristiani, rifiutereste di vedere rappresentati i valori della famiglia da notori puttanieri pluridivorziati ingozzati e corrotti dalla peggior ipocrisia.

Se foste italiani decenti, rifiutereste di vedere il vostro bel paese avvitarsi intorno al priapismo mentale impotente di un omino ridicolo gasato da un ego ipertrofico.

Se foste padri, madri, nonne e nonni che hanno cura per la vita dei loro figli e nipoti, non vendereste il loro futuro in cambio dei trenta denari di promesse virtuali.

Se foste esseri umani degni di questo nome, avreste vergogna di tutto questo schifo.

Si prendano subito le impronte digitali…

Si prendano subito le impronte digitali…
(Andrea Camilleri n. Porto Empedocle, AG 6/9/1925)

Si prendano subito le impronte digitali dei bambini rom, ordina un paio di baffi sul nulla,
e i baffi giurano che non è razzismo ma solo umana pietà verso i bimbi costretti a mendicare…
che cuore che generosità…
e mi tornano a mente i versi di un grandissimo
sei così ipocrita
che quando l’ipocrisia ti avrà ucciso sarai all’inferno
ma ti dirai in paradiso!

(da Poesie incivili, 2008)

Lo sforzo umano

Lo sforzo umano
(
Jacques Prévert Neuilly-sur-Seine, Francia 4/2/1900 – Omonville-la-Petite, Francia 11/4/1977)

Lo sforzo umano
non è quel bel giovane sorridente
ritto sulla sua gamba di gesso
o di pietra
e che mostra grazie ai puerili artifici dello scultore
la stupida illusione
della gioia della danza e del giubilo
evocante con l’altra gamba in aria
la dolcezza del ritorno a casa
No
Lo sforzo umano non porta un fanciullo sulla spalla destra
un altro sulla testa
e un terzo sulla spalla sinistra
con gli attrezzi a tracolla
e la giovane moglie felice aggrappata al suo braccio
Lo sforzo umano porta un cinto erniario
e le cicatrici delle lotte
intraprese dalla classe operaia
contro un mondo assurdo e senza leggi
Lo sforzo umano non possiede una vera casa
esso ha l’odore del proprio lavoro
ed è intaccato ai polmoni
il suo salario è magro
e così i suoi figli
lavora come un negro
e il negro lavora come lui
Lo sforzo umano no ha il savoir-vivre
Lo sforzo umano non ha l’età della ragione
lo sforzo umano ha l’età delle caserme
l’età dei bagni penali e delle prigioni
l’età delle chiese e delle officine
l’età dei cannoni
e lui che ha piantato dappertutto i vigneti
e accordato tutti i violini
si nutre di cattivi sogni
si ubriaca con il cattivo vino della rassegnazione
e come un grande scoiattolo ebbro
vorticosamente gira senza posa
in un universo ostile
polveroso e dal soffitto basso
e forgia senza fermarsi la catena
la terrificante catena in cui tutto s’incatena
la miseria il profitto il lavoro la carneficina
la tristezza la sventura l’insonnia la noia
la terrificante catena d’oro
di carbone di ferro e d’acciaio
di scoria e polvere di ferro
passata intorno al collo
di un mondo abbandonato
la miserabile catena
sulla quale vengono ad aggrapparsi
i ciondoli divini
le reliquie sacre
le croci al merito le croci uncinate
le scimmiette portafortuna
le medaglie dei vecchi servitori
i ninnoli della sfortuna
e il gran pezzo da museo
il gran ritratto equestre
il gran ritratto in piedi
il gran ritratto di faccia di profilo su un sol piede
il gran ritratto dorato
il gran ritratto del grande indovino
il gran ritratto del grande imperatore
il gran ritratto del grande pensatore
del gran camaleonte
del grande moralizzatore
del dignitoso e triste buffone
la testa del grande scocciatore
la testa dell’aggressivo pacificatore
la testa da sbirro del grande liberatore
la testa di Adolf Hitler
la testa del signor Thiers
la testa del dittatore
la testa del fucilatore
di non importa qual paese
di non importa qual colore
la testa odiosa
la testa disgraziata
la faccia da schiaffi
la faccia da massacrare
la faccia della paura.

Testamento

Testamento

(di Kriton Athanasulis 1916-1979)

Non voglio che tu sia lo zimbello del mondo.
Ti lascio il sole che lasciò mio padre
a me. Le stelle brilleranno uguali, e uguali
t’indurranno le notti a dolce sonno,
il mare t’empirà di sogni. Ti lascio
il mio sorriso amareggiato: fanne scialo,
ma non tradirmi. Il mondo è povero
oggi. S’è tanto insanguinato questo mondo
ed è rimasto povero. Diventa ricco tu
guadagnando l’amore del mondo.
Ti lascio la mia lotta incompiuta
e l’arma con la canna arroventata.
Non l’appendere al muro. Il mondo ne ha bisogno.
Ti lascio il mio cordoglio. Tanta pena
vinta nelle battaglie del mio tempo.
E ricorda. Quest’ordine ti lascio.
Ricordare vuol dire non morire.
Non dire mai che sono stato indegno, che
disperazione mi ha portato avanti e son rimasto
indietro al di qua della trincea.
Ho gridato, gridato mille e mille volte no,
ma soffiava un gran vento, e pioggia, e grandine:
hanno sepolto la mia voce. Ti lascio
la mia storia vergata con la mano
d’una qualche speranza. A te finirla.
Ti lascio i simulacri degli eroi
con le mani mozzate,
ragazzi che non fecero a tempo
ad assumere austere forme d’uomo,
madri vestite di bruno, fanciulle violentate.
Ti lascio la memoria di Belsen e Auschwitz.
Fa presto a farti grande. Nutri bene
il tuo gracile cuore con la carne
della pace del mondo, ragazzo, ragazzo.
Impara che milioni di fratelli innocenti
svanirono d’un tratto nelle nevi gelate
in una tomba comune e spregiata.
Si chiamano nemici: già! I nemici dell’odio.
Ti lascio l’indirizzo della tomba
perché tu vada a leggere l’epigrafe.
Ti lascio accampamenti
d’una città con tanti prigionieri,
dicono sempre si, ma dentro loro mugghia
l’imprigionato no dell’uomo libero.
Anch’io sono di quelli che dicono, di fuori,
il sì della necessità, ma nutro, dentro, il no.
Così è stato il mio tempo. Gira l’occhio
dolce al nostro crepuscolo amaro.
Il pane è fatto di pietra, l’acqua fango,
la verità un uccello che non canta.
E’ questo che ti lascio. Io conquistai il coraggio
d’essere fiero. Sforzati di vivere.
Salta il fosso da solo e fatti libero.
Attendo nuove. E’ questo che ti lascio.
Ti lascio il mio cordoglio. Tanta pena
vinta nelle battaglie del mio tempo.
E ricorda. Quest’ordine ti lascio.
Ricordare vuol dire non morire.
Non dire mai che sono stato indegno, che
disperazione mi ha portato avanti e son rimasto
indietro al di qua della trincea.
Ho gridato, gridato mille e mille volte no,
ma soffiava un gran vento, e pioggia, e grandine:
hanno sepolto la mia voce. Ti lascio
la mia storia vergata con la mano
d’una qualche speranza. A te finirla.
Ti lascio i simulacri degli eroi
con le mani mozzate,
ragazzi che non fecero a tempo
ad assumere austere forme d’uomo,
madri vestite di bruno, fanciulle violentate.
Ti lascio la memoria di Belsen e Auschwitz.
Fa presto a farti grande. Nutri bene
il tuo gracile cuore con la carne
della pace del mondo, ragazzo, ragazzo.
Impara che milioni di fratelli innocenti
svanirono d’un tratto nelle nevi gelate
in una tomba comune e spregiata.
Si chiamano nemici: già! I nemici dell’odio.
Ti lascio l’indirizzo della tomba
perché tu vada a leggere l’epigrafe.
Ti lascio accampamenti
d’una città con tanti prigionieri,
dicono sempre si, ma dentro loro mugghia
l’imprigionato no dell’uomo libero.
Anch’io sono di quelli che dicono, di fuori,
il sì della necessità, ma nutro, dentro, il no.
Così è stato il mio tempo. Gira l’occhio
dolce al nostro crepuscolo amaro.
Il pane è fatto di pietra, l’acqua fango,
la verità un uccello che non canta.
E’ questo che ti lascio. Io conquistai il coraggio
d’essere fiero. Sforzati di vivere.
Salta il fosso da solo e fatti libero.
Attendo nuove. E’ questo che ti lascio.

L’avvenire

L’avvenire
(Guillaume Apollinaire Roma 26/8/1880 – Parigi, Francia 9/11/1918)

Solleviamo la paglia
Guardiamo le neve
Scriviamo lettere
Attendiamo ordini

Fumiamo la pipa
Sognando l’amore
I gabbioni sono là
Guardiamo la rosa

La fonte non s’è inaridita
Né la paglia d’oro è sbiadita
Guardiamo l’ape
E non pensiamo al domani

Guardiamoci le mani
Che sono la neve
Sono l’ape e la rosa
Nonché il domani

Sorellanza

Sorellanza

(Astra)

 

Perché sono invisibile,

irrilevante,

isolata,

rinchiusa nel privato?

Ho una qualche scelta?

Posso cambiare?

Sostenetemi

perché io possa

essere intera.

Con voi, sorelle,

posso essere di più.

 

(Da: La poesia femminista – antologia di testi poetici del MOVEMENT, a cura di Nadia Fusini e Mariella Gramaglia, Savelli, 1977)

Prima vennero

Prima vennero
(Martin Niemöller Lippstadt, Germania 14/1/1892 – Wiesbaden, Germania 6/3/1984)

Prima vennero per i comunisti,
e io non dissi nulla
perché non ero comunista.

Poi vennero per i socialdemocratici
io non dissi nulla
perché non ero socialdemocratico

Poi vennero per i sindacalisti,
e io non dissi nulla
perché non ero sindacalista.

Poi vennero per gli ebrei,
e io non dissi nulla
perché non ero ebreo.

Poi vennero a prendere me.
E non era rimasto più nessuno che potesse dire qualcosa.


(versione attribuita a Bertolt Brecht Augusta, Germania 10/2/1898 – Berlino, Germania 14/8/1956)

Prima di tutti, vennero a prendere gli zingari
e fui contento perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei
e stetti zitto perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali
e fui sollevato perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti
ed io non dissi niente perché non ero comunista.

Un giorno vennero a prendermi
e non c’era rimasto nessuno a protestare.


(versione attribuita a Heinrich Böll Colonia, Germania 21/12/1917 – Langenbroich, Germania 16/7/1985 – Premio Nobel per la letteratura 1972)

Quando Hitler andò al potere, i primi che andò a prendere furono sindacalisti, comunisti e socialisti. Ma io non ero né sindacalista, né comunista, né socialista e quindi dissi: “Che me ne frega?”.
Poi mandò a prendere i cristiani, protestanti e cattolici e io non ero né protestante né cattolico e dissi: “Che me ne frega?”.
Quando andarono a prendere gli ebrei dissi: “Ma io non sono mica ebreo e quindi perché mai mi dovrebbero detestare?”.
Il risultato fu che quando vennero a prendere me non c’era più nessuno che potesse protestare per la mia cattura.

Vai alla barra degli strumenti