Frammenti

Frammenti (Vladimir Vladimirovič Majakovskij Bagdadi, Georgia 7/7/1893 – Mosca, Russia 14/4/1930) Io conosco la forza delle parole,                                        conosco delle parole il suono a stormo. Non di quelle                 che i palchi applaudiscono. A tali parole                le bare si slanciano per camminare                    sui propri                                 quattro piedini di quercia. Sovente           le buttano via,                             senza strapparle, senza pubblicarle. Ma […]

All’amato me stesso

All’amato me stesso (Vladimir Vladimirovič Majakovskij Bagdadi, Georgia 7/7/1893 – Mosca, Russia 14/4/1930) Quattro. Pesanti come un colpo. “A Cesare quel che è di Cesare, a Dio quel che è di Dio”. Ma uno come me dove potrà ficcarsi? Dove mi si è apprestata una tana? S’io fossi piccolo come il grande oceano, mi leverei […]

Frammento

Frammento (Vladimir Vladimirovič Majakovskij Bagdadi, Georgia 7/7/1893 – Mosca, Russia 14/4/1930) Come suol dirsi l’incidente è chiuso La barca dell’amore s’è spezzata contro la vita quotidiana Fra me e te i conti tornano ed è inutile fare l’elenco Di dolori guai e torti reciproci. Guarda che silenzio regna sul mondo La notte ha rivestito il […]

Per noi

Per noi (Vladimir Vladimirovič Majakovskij Bagdadi, Georgia 7/7/1893 – Mosca, Russia 14/4/1930) L’amore non è paradiso terrestre, a noi l’amore annunzia ronzando che di nuovo è stato messo in marcia il motore raffreddato del cuore. Dello stesso autore: E così anche a me – Il mare va a ritroso – Marina da guerra in amore

E così anche a me

E così anche a me (Vladimir Vladimirovič Majakovskij Bagdadi, Georgia 7/7/1893 – Mosca, Russia 14/4/1930) Le flotte: anche loro convergono verso il porto. Il treno: anche lui corre verso la stazione. Ed io verso di te a maggior ragione, perchè io amo, mi sento proteso e attratto. L’avaro cavaliere puskiniano scende a godersi nel sotterraneo […]

Il mare va a ritroso

Il mare va a ritroso (Vladimir Vladimirovič Majakovskij Bagdadi, Georgia 7/7/1893 – Mosca, Russia 14/4/1930) Il mare va a ritroso il mare va a dormire. Come suol dirsi, "l’incidente è chiuso", la barca dell’amore è naufragata contro il quotidiano. Fra noi due siamo pari e non serve elencare i dolori reciproci, le sventure e le […]

Vai alla barra degli strumenti