Reliquiario

Reliquiario
(Tullia De Mayo Napoli 13/7/1922 – 28/5/2001)

La memoria è un reliquiario
traggo tremando
le gemme del tuo amore:
Com'è crudele e dolce
il tuo ricordo
ora che la tua mano
più non mi piega come giunco,
viene e va come la luce
di un mattino d'inverno
popolando solitudini e deserti
e mi lascia
accanto a un pozzo disseccato.

(da: L' Ala del Sogno)

Dedicata a Utente: jouy jouy

Rullano i tamburi

Rullano i tamburi
(Tullia De Mayo Napoli 13/7/1922 – 28/5/2001)

Vento di terre lontane
soffia sul dorso dei colli,
dai greti dei fiumi alle nuvole
si alzano voci.
Odo tamburi nella notte
Il mio sangue si fa giovane.

Fra scintille di fuoco
e bossoli di proiettili
il mio cuore è in Angola,
nel Congo, in Malaysia,
corre tra dune e foreste
come un cavallo berbero.

Le rotative sputano
notizie che seleziono:
per miniere di rame
cataste di cadaveri.
Appartengo all'eletta razza
e in questo pozzo nero
debbo vivere.

Rullano i tamburi,
affondo le radici dell'amarezza
nella speranza,
ascolto voci senza margini.

Vento fammi ala,
accendi fuochi.
…………………

Rullano i tamburi nella notte.

 

 

Dedicata a Utente: jouy jouy