Fra cent’anni

Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate e commemorazione del Milite Ignoto e di tutti i caduti durante la prima guerra mondiale

Fra cent’anni
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Da qui a cent’anni, quanno
ritroveranno ner zappà la terra
li resti de li poveri sordati
morti ammazzati in guerra,
pensate un po’ che montarozzo d’ossa,
che fricandò1 de teschi
scapperà fòra da la terra smossa!
Saranno eroi tedeschi,
francesi, russi, ingresi,
de tutti li paesi.
O gialla o rossa o nera,
ognuno avrà difesa una bandiera;
qualunque sia la patria, o brutta o bella,
sarà morto per quella.

Ma lì sotto, però, diventeranno
tutti compagni, senza
nessuna diferenza.
Nell’occhio vôto e fonno
nun ce sarà né l’odio né l’amore
pe’ le cose der monno.
Ne la bocca scarnita
nun resterà che l’urtima risata
a la minchionatura de la vita.
E diranno fra loro: – Solo adesso
ciavemo per lo meno la speranza
de godesse la pace e l’uguajanza
che cianno predicato tanto spesso!
31 gennaio 1915

(1: Miscuglio)

(Da: Lupi e agnelli, 1922)

https://www.youtube.com/watch?v=7AeBiaWxnGo

Dello stesso autore:
All’ombra
Er battesimo civile
Er buffone
Er cervo
Er congresso de li cavalli
Er grillo zoppo
Er primo amore
Er Sorcio de città e er Sorcio de campagna
Er testamento d’un arbero
Giordano Bruno
Giove
L’elezzione der Presidente
L’onestà de mi’ nonna
La campana de la Chiesa
La Cecala d’oggi
La cornacchia libberale
La Maschera
La ninna-nanna de la guerra
La scappatella del Leone
La terza Roma
Natale de guerra
Nummeri
Riunione clericale
Romolo e Remo
Stella cadente
Un re umanitario

Natale de guerra

Natale de guerra
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Ammalappena che s’è fatto giorno
la prima luce è entrata ne la stalla
e er Bambinello s’è guardato intorno.
– Che freddo, mamma mia! Chi m’aripara?
Che freddo, mamma mia! Chi m’ariscalla?
– Fijo, la legna è diventata rara
e costa troppo cara pè compralla…
– E l’asinello mio dov’è finito?
– Trasporta la mitraja
sur campo de battaja: è requisito.
– Er bove? – Pure quello
fu mannato ar macello.
– Ma li Re Maggi arriveno? – È impossibbile
perché nun c’è la stella che li guida;
la stella nun vò uscì: poco se fida
pè paura de quarche diriggibbile…-

Er Bambinello ha chiesto:- Indove stanno
tutti li campagnoli che l’antr’anno
portaveno la robba ne la grotta?
Nun c’è neppuro un sacco de polenta,
nemmanco una frocella1 de ricotta…

– Fijo, li campagnoli stanno in guerra,
tutti ar campo e combatteno. La mano
che seminava er grano
e che serviva pè vangà la terra
adesso viè addoprata unicamente
per ammazzà la gente…
Guarda, laggiù, li lampi
de li bombardamenti!
Li senti, Dio ce scampi,
li quattrocentoventi
che spaccheno li campi? –

Ner dì’ così la Madre der Signore
s’è stretta er Fijo ar core
e s’è asciugata l’occhi cò le fasce.
Una lagrima amara pè chi nasce,
una lagrima dórce pè chi more…

dicembre 1916

(1: Fiscella, cestella)

(Da: Lupi e agnelli)

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr primo amoreEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoGioveL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraLa scappatella del LeoneLa terza RomaNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadenteUn re umanitario

Un re umanitario

Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate e commemorazione del Milite Ignoto e di tutti i caduti durante la prima guerra mondiale

Un re umanitario
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Er giorno che Re Chiodo fu costretto
de dichiarà la guerra a un Re vicino
je scrisse: – Mio carissimo cuggino,
quello che leggi è l’urtimo bijetto;
semo nemmichi: da domani in poi
bisogna sbudellasse fra de noi.

La guerra, come vedi, è necessaria:
ma, date l’esiggenze der progresso,
bisognerà che unisca ar tempo istesso
la civirtà moderna e la barbaria,
in modo che l’assieme der macello
me riesca più nobile e più bello.

D’accordo cór dottore pensai bene
de fa’ sterilizzà le bajonette
perché er sordato venga fatto a fette
a norma de le regole d’iggene,
e a l’occasione ciabbia un lavativo
pieno de subblimato corosivo.

Pe’ fa’ in maniera ch’ogni schioppettata
se porti appresso la disinfezzione
ho fatto mette ne la munizzione
un pezzo de bambace fenicata:
così, cór necessario de la cura,
la palla sbucia e la bambace attura.

Fra l’antri innummerevoli vantaggi,
come sistema de riscallamento
ho stabbilito ch’ogni reggimento
procuri de da’ foco a li villaggi.
Incomincia a fa’ freddo e capirai
che un po’ d’umanità non guasta mai.

La polizzia scentifica ha già prese
l’impronte diggitali a tutti quanti
pe’ distingue l’eroi da li briganti
che fanno l’aggressione ner paese;
sarebbe un’ingiustizia e, quer ch’è peggio,
nun se saprebbe più chi fa er saccheggio.

Ho pensato a la fede. Ogni matina
un vecchio cappellano amico mio
dirà una messa e pregherà er bon Dio
perché protegga la carneficina.
Così, se perdo, invece der governo
rimane compromesso er Padre Eterno.

Ah! nun pôi crede quanto me despiace
de strascinà ‘sto popolo a la guerra,
lui, che per anni lavorò la terra
co’ la speranza de godé la pace;
oggi, per un capricico che me pija,
addio campi, addio casa, addio famija!

Un giorno, appena tornerà er lavoro,
in queli stessi campi de battaja
indove ha fatto stragge la mitraja
rivedremo ondeggià le spighe d’oro:
ma er grano sarà rosso e darà un pane
insanguinato da le vite umane.

Ma ormai ce semo e quer ch’è fatto è fatto:
vedremo infine chi ciavrà rimesso.
Addio, caro cuggino; per adesso,
co’ la speranza che sarai disfatto
te, co’ tutto l’esercito, me dico
er tuo affezzionatissimo nemmico.

ottobre 1914

(Da: Lupi e agnelli)

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr primo amoreEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoGioveL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraLa scappatella del LeoneLa terza RomaNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente

Giove

  2769° Natale di Roma

Giove
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

I

A immagginasse Roma anticamente,
pe’ quanto faccia, un omo se confonne:
ched’era(1) Roma? un bosco de colonne,
una città de marmo arilucente.

Le chiese nun ce staveno pe’ gnente,
nun c’ereno né Cristi e né Madonne,
perché de queli tempi, ommini e donne,
ciaveveno una fede diferente.

E lo sai chi pregaveno? Giunone,
Nettuno, Apollo, Venere, Minerva,
Marte, Vurcano, Cerere, Prutone…

E a capo a tutti quanti c’era Giove,
er solo Dio ch’adesso se conserva
perché se chiama Pluvio quanno piove.

II

E Giove, che ciaveva ne le mano
tutta l’azzienna elettrica celeste,
viveva fra le nuvole e da queste
furminava la gente da lontano.

D’accordo co’ Nettuno e co’ Vurcano
faceva l’uragani e le tempeste
pe’ sconocchià(2) li boschi e le foreste
e spaccà le montagne a tutto spiano(3).

Se sa: so’ tutte pappole(4) ch’ormai
fanno ride li polli; ma l’antichi
se l’ereno bevute(5) bene assai.

Questo vô di’ che l’ommini so’ pronti
a crede a tutto quello che je dichi
e a qualunque fregnaccia j’aricconti.

III

Eppuro, ‘sti pagani babbalei(6),
faceveno le cose co’ decoro
perché hanno scritto fra le stelle d’oro,
in mezzo ar celo(7), er nome de li dei!

E li tempî? e li fori? e li musei?
So’ pieni zeppi de ricordi loro:
guarda l’Apollo(8), che capolavoro!
Venere sola, basterebbe lei!

La più benfatta, quella de Cirene(9),
pare che ciabbia un’anima e je senti
er sangue friccicà(10) drent’a le vene.

Nun cià testa, ma pensa: e forse spera
de capì mejo tanti cambiamenti
ch’ha fatto l’omo pe’ resta com’era.

(Da: Libro n. 9, 1929)

(1) Che cos’era.
(2) Per sconquassare.
(3) Senza riposo.
(4) Favole.
(5) Le avevano credute.
(6) Babbei.
(7) Nelle costellazioni.
(8) Di Belvedere, nel Museo vaticano.
(9) Nel Museo Nazionale alle Terme di Diocleziano.
(10) Bollire.

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr primo amoreEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraLa scappatella del LeoneLa terza RomaNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente

La scappatella del Leone

La scappatella del Leone
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Una vorta er guardiano d’un serrajo
lassò per uno sbajo
uno sportello de la gabbia aperto.
– Giacché me se presenta l’occasione,
– disse er Re der Deserto – me la squajo1… –
– E zitto zitto escì da la priggione.

– Indove te ne vai? – chiese la Jena.
El Leone rispose: – Ar Colosseo,
a magnà li Cristiani ne l’Arena. –
La Jena disse: – Quanto me fai pena,
povero babbaleo2!
Che credi? De rifà la pantomima
de le bestie ch’esciveno de fôra3,
cór pasto de le berve come allora
e li martiri pronti come prima?
Nun hai saputo che, da un pezzo in qua,
è proibbito d’ammazzà la gente
senza er permesso de l’Autorità?
Tu rischi de restà senza lavoro;
da’ retta a me, collega mio, rimani:
e lassa che li poveri cristiani
se magnino fra loro.

(1: Me la svigno; 2: Minchione; 3: Fuori)

(da: La gente, 1927)

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr primo amoreEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraLa terza RomaNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente

La terza Roma

  2768° Natale di Roma

La terza Roma
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Parla Checco er benzinaro (1)

I

La terza Roma nun s’intenne mica
che da Romolo in qua ce so’ tre Rome:
naturamente je se dà ‘sto nome
pe’ potella distingue da l’antica.

De Roma nostra, Dio la bendica,
nun ce n’è che una sola: ma, siccome
fu rimpastata, je succese come
succede co’ la crosta e la mollica.

Infatti, sur più bello d’un lavoro,
te ritrovi l’Impero giù in cantina (2)
con una strada che va dritta ar Foro:

e scopri che, presempio, la finestra
indove s’affacciava Messalina
corrisponne a’ na chiavica maestra (3).

II

Er tempo, che lavora co’ la lima,
con una mano scrive e l’antra scassa,
e succede ch’er postero sfracassa
quello che l’antenato ha fatto prima.

Così vedrai che fra mill’anni e passa
rifaranno la stessa pantomima,
e tutto quello ch’oggi sta più in cima
sarà guardato come Roma bassa.

E forse un cicerone der tremila
dirà a un ingrese: – Vede, mosiù mio,
quer Cammerone co’ li posti in fila (4)?

Laggiù, in un tempo, se parlava troppo,
e mó se sente solo er gnavolìo (5)
de li gatti ch’aspetteno er malloppo (6).

(Da: Libro n. 9, 1929)

(1) Oste che spaccia “benzina” (vino misturato) e anche chi lo beve.
(2) Cioè sotto il livello stradale.
(3) Fogna di massima portata.
(4) Camera dei Deputati nel palazzo di Montecitorio.
(5) Il miagolio.
(6) L’involto col cibo.

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr primo amoreEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente

Er primo amore

Er primo amore
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Fu un venerdì, pe’ Pasqua Befania,
er sei gennaro der novantasei.
– No, Checchino, è impossibile! Tu sei
troppo scocciante co’ ‘sta gelosia!

Nun se capimo più! – me disse lei –
Addio, Checchino… – E se n’agnede via.
Volevo dije: – Caterina mia,
viè qua, nun me lascià!… – Ma nun potei!

Tu nun me crederai: da quer momento
m’è arimasta una spina drento ar core:
è più d’un anno e ancora me la sento!

Ne la malinconia de li ricordi
naturarmente resta er primo amore…
Come diavolo vôi che me ne scordi?

(Da: Sonetti ripescati, 1922)

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente

Er battesimo civile

Er battesimo civile
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Pè nun faje er battesimo davero,
ho battezzato la pupetta mia
cór vino de Frascati all’osteria,
davanti a ’no stennardo rosso e nero.
Zi’ Pippo, l’oste, come un prete vero,
pijò la pupa, la chiamò Anarchia,
e biastimò(1) la Vergine Maria
per un riguardo ar libbero pensiero;
doppo du’ o tre bevute, er comparetto,
a cavallo a ’na botte de Frascati,
ce fece un… verso, e recitò un sonetto;
mentre la pupa, ner vedé ste scene,
pareva che guardasse l’invitati
come pe dije: – Comincíamo bene!

(1: Bestemmiò)

(Da: I sonetti, 1912)

Dello stesso autore: All’ombraEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente

La cornacchia libberale

La cornacchia libberale
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Una cornacchia nera come un tizzo,
nata e cresciuta drento ‘na chiesola,
siccome je pijo lo schiribbizzo(1)
de fa’ la libberale e d’uscì sola,
s’infarinò le penne e scappò via
dar finestrino de la sacrestia.

Ammalappena se trovò per aria
coll’ale aperte in faccia a la natura,
sentì quant’era bella e necessaria
la vera libbertà senza tintura:
l’intese così bene che je venne
come un rimorso e se sgrullò(2) le penne.
Naturarmente, doppo la sgrullata,
metà de la farina se n’agnede,
ma la metà rimase appiccicata
come una prova de la malafede.
– Oh! – disse allora – mo’ l’ho fatta bella!
So’ bianca e nera come un purcinella…

– E se resti così farai furore:
– je disse un Merlo – forse te diranno
che sei l’ucello d’un conservatore,
ma nun te crede che te faccia danno:
la mezza tinta adesso va de moda
puro fra l’animali senza coda.

Oggi che la coscenza nazzionale
s’adatta a le finzioni de la vita,
oggi ch’er prete è mezzo libberale
e er libberale è mezzo gesuita,
se resti mezza bianca e mezza nera
vedrai che t’assicuri la cariera.

1) Il ghiribizzo.
2) Scrollò, scosse.

Dello stesso autore: All’ombraEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente

Er buffone

Er buffone
(
Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Anticamente, quanno li regnanti
ciaveveno er Buffone incaricato
de falli ride – come adesso cianno
li ministri de Stato
che li fanno sta’ seri, che li fanno -,
puro el Leone, Re de la Foresta,
se messe in testa de volé er Buffone.
Tutte le bestie agnedero ar concorso:
l’Orso je fece un ballo,
er Pappagallo spiferò un discorso,
e la Scimmia, la Pecora, er Cavallo…
Ogni animale, insomma, je faceva
tutto quer che poteva
pe’ fallo ride e guadambiasse er posto:
però el Leone, tosto,
restava indiferente: nu’ rideva.
Finché, scocciato, disse chiaramente:
Lassamo annà: nun è pe’ cattiveria,
ma l’omo solo è bono a fa’ er buffone:
nojantri nun ciavemo vocazzione,
nojantri semo gente troppo seria!

Dello stesso autore: All’ombraEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoGiordano BrunoL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadente