Lo scialletto

Lo scialletto (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) Cor venticello che scartoccia l’arberi1 entra una foja in cammera da letto. È l’inverno che ariva e, come ar solito, quanno passa de qua, lascia un bijetto. Jole, infatti, me dice: – Stammatina me vojo mette quarche cosa addosso; nun hai sentito […]

Momenti scemi

Momenti scemi (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) Le lettere ch’ha scritto Rosa mia l’avrebbe d’abbrucià1, ma nun ciò core2: le tengo chiuse drento a un tiratore3 framezzo a li mazzetti de gaggia. Fa tanto bene a ripensà a l’amore ne li momenti de malinconia: provi una spece de nun […]

Fra cent’anni

Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate e commemorazione del Milite Ignoto e di tutti i caduti durante la prima guerra mondiale Fra cent’anni (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) Da qui a cent’anni, quanno ritroveranno ner zappà la terra li resti de li poveri sordati morti ammazzati in guerra, […]

Natale de guerra

Natale de guerra (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) Ammalappena che s’è fatto giorno la prima luce è entrata ne la stalla e er Bambinello s’è guardato intorno. – Che freddo, mamma mia! Chi m’aripara? Che freddo, mamma mia! Chi m’ariscalla? – Fijo, la legna è diventata rara e costa […]

Un re umanitario

Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate e commemorazione del Milite Ignoto e di tutti i caduti durante la prima guerra mondiale Un re umanitario (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) Er giorno che Re Chiodo fu costretto de dichiarà la guerra a un Re vicino je scrisse: – Mio […]

Giove

  2769° Natale di Roma Giove (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) I A immagginasse Roma anticamente, pe’ quanto faccia, un omo se confonne: ched’era(1) Roma? un bosco de colonne, una città de marmo arilucente. Le chiese nun ce staveno pe’ gnente, nun c’ereno né Cristi e né Madonne, perché […]

La scappatella del Leone

La scappatella del Leone (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) Una vorta er guardiano d’un serrajo lassò per uno sbajo uno sportello de la gabbia aperto. – Giacché me se presenta l’occasione, – disse er Re der Deserto – me la squajo1… – – E zitto zitto escì da la […]

La terza Roma

  2768° Natale di Roma La terza Roma (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) Parla Checco er benzinaro (1) I La terza Roma nun s’intenne mica che da Romolo in qua ce so’ tre Rome: naturamente je se dà ‘sto nome pe’ potella distingue da l’antica. De Roma nostra, Dio […]

Er primo amore

Er primo amore (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) Fu un venerdì, pe’ Pasqua Befania, er sei gennaro der novantasei. – No, Checchino, è impossibile! Tu sei troppo scocciante co’ ‘sta gelosia! Nun se capimo più! – me disse lei – Addio, Checchino… – E se n’agnede via. Volevo dije: […]

Er battesimo civile

Er battesimo civile (Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950) Pè nun faje er battesimo davero, ho battezzato la pupetta mia cór vino de Frascati all’osteria, davanti a ’no stennardo rosso e nero. Zi’ Pippo, l’oste, come un prete vero, pijò la pupa, la chiamò Anarchia, e biastimò(1) la Vergine Maria […]

Vai alla barra degli strumenti