‘A livella

‘A livella
(Antonio De Curtis in arte Totò Napoli, 15/2/1898 – Roma, 15/4/1967)

Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.

St’anno m’é capitato ‘navventura…
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
ma po’ facette un’anema e curaggio.

‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
s’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’11 maggio del’31".

‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe’ segno, sulamente ‘na crucella.

E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro – netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
ca pur all’atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s’era ggià fatta quase mezanotte,
e i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.

Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
c’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro…
‘omuorto puveriello… ‘o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
so’ muorte e se ritirano a chest’ora?

Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
s’avota e tomo tomo… calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, si, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, si, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente"

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
i’ che putevo fa’ si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
e proprio mo, obbj’… ‘nd’a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n’ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé… – piglia sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘e te senti; e si perdo ‘a pacienza,
mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…

Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale".

"Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo… ‘int’a cervella
che staje malato ancora e’ fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?… è una livella.

‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
trasenno stu canciello ha fatt’o punto
c’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
suppuorteme vicino – che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
nuje simmo serie… appartenimmo à morte!"


Traduzione

 

Ogni anno il due novembre, c’è l’usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno deve fare questa riverenza;
ognuno deve avere questo pensiero.

Ogni anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
la tomba di marmo di zia Vincenza.

Quest’anno mi è successa un’avventura…
dopo aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! Se ci penso, che paura!,
ma poi mi feci animo e coraggio.

Il fatto è questo, statemi a sentire:
si avvicinava l’ora della chiusura:
io, calmo calmo, stavo per uscire
buttando un occhio su qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l’undici maggio del trentuno".

Lo stemma con la corona sopra a tutto…
…sotto una croce fatta di lampadine;
tre mazzi di rose con una scritta a lutto:
candele, candelotti e sei lumini.

Proprio affianco alla tomba di questo signore
c’ era un’ altra tomba piccolina,
abbandonata, senza neanche un fiore;
per segno, solamente una crocetta.

E sulla croce appena si leggeva:
"Esposito Gennaro – netturbino"
guardandola, che pena mi faceva
quel morto senza neanche un lumino!

Questa è la vita! Pensavo nella mia testa…
chi ha avuto tanto e chi non ha avuto niente!
Questo povero accidenti si aspettava
che anche all’altro mondo sarebbe stato un pezzente?

Mentre fantasticavo questo pensiero,
si era fatta quasi mezzanotte,
e rimasi chiuso prigioniero,
morto di paura… davanti ai candelotti.

Tutto d’un tratto, cosa vedo da lontano?
Due ombre avvicinarsi verso di me…
Pensai: questo fatto mi sembra strano…
sono sveglio… dormo o è fantasia?

Altro che fantasia; era il Marchese:
con il cilindro, la lente e col soprabito;
quello alle sue spalle una persona messa male;
sporco e con una scopa in mano.

Quello certamente è don Gennaro…
il morto poverello… lo spazzino.
In questo fatto non ci vedo chiaro:
sono morti e rientrano a quest’ora?

Potevano stare quasi ad un palmo da me,
quando il Marchese si ferma all’improvviso,
si volta lento lento… calmo calmo,
disse a Don Gennaro: "Giovanotto!

Da voi vorrei sapere, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellire, per mia vergogna,
accanto a me che sono un blasonato!

La casta è casta e va, sicuramente, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sicuramente, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
è opportuno, quindi, che cerchiate una fossa
tra i vostri pari, tra la vostra gente"

"Signor Marchese, non è colpa mia,
io non vi avrei fatto questo torto;
e stata mia moglie a fare questa sciocchezza,
io cosa potevo fare se ero morto?

Se fossi vivo vi farei contento,
prenderei la bara con le quattro ossa
e proprio ora, vede… in questo momento
entrerei in un altra fossa".

"E cosa aspetti, o turpe malcreato,
che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un blasonato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Fammi vedere… – prendi questa violenza…
La verità, Marchese, mi sono stancato
di sentirti; e se perdo la pazienza,
mi dimentico che sono morto e sono botte!…

Ma chi ti credi di essere… un Dio?
Qua dentro, lo vuoi capire, che siamo uguali…
Morto sei tu e morto sono anch’io;
ognuno è uguale ad un altro".

"Lurido porco!… Come ti permetti
paragonarti a me ch’ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu quale Natale… Pasqua e Epifania!!!
Te lo vuoi mettere in testa? nel cervello
che sei malato ancora di fantasia?…
La morte sai cos’è?… è una livella.

Un re, un magistrato, un grand’uomo,
varcando questo cancello ha fatto conto
che ha perso tutto, la vita e pure il nome:
tu non ti sei fatto ancora questo conto?

Perciò, stammi a sentire… non fare il restio,
sopportami vicino – che t’importa?
Queste pagliacciate le fanno solo i vivi:
noi siamo seri… apparteniamo alla morte!"

Core analfabeta

Core analfabeta
(Antonio De Curtis in arte Totò Napoli 15/2/1898 – Roma 15/4/1967)

Stu core analfabbeta
tu ll’he purtato a scola,
e s’è mparato a scrivere,
e s’è mparato a lleggere
sultanto na parola:
"Ammore" e niente cchiù.