L’appuntamento

L’appuntamento
(Sully Prudhomme Parigi, Francia 16/3/1839 – Châtenay-Malabry, Francia 6/9/1907; Premio Nobel per la letteratura 1901)

E’ tardi. Sulla torre l’astronomo si ostina
a scandagliare il cielo che esilia ogni rumore.
Cerca isole d’oro: confitto nelle tenebre
lo sguardo cerca il brivido di illimitate aurore.

Fuggono i mondi, simili a semi sotto il vaglio,
e splende agglomerata la densa nebulosa;
ma lui, fisso alla corsa sfrenata del suo astro
gli intima: "Ritorna fra mille anni a casa".

E l’astro obbedirà. Né un passo né un istante
vorrà all’eterna scienza nei secoli rubare.
Gli uomini passeranno, l’umanità lo attende.

Essa sta a guardia, l’occhio cangiante ma sicuro.
Se al ritorno dell’astro estinta si sarà,
veglierà sulla torre, sola, la Verità.