Il bacio

Il bacio
(Sara Teasdale St. Louis, Missouri, USA 8/8/1884 – St. Louis, Missouri, USA 29/1/1933)

Prima che mi baciassi solo i venti del paradiso
Mi avevano baciato, e la tenerezza della pioggia—
Ora sei venuto, come posso interessarmi di baci
Come i loro di nuovo?

Cercai il mare, lei inviò i suoi venti ad incontrarmi,
Essi ondeggiarono attorno a me cantando del sud—
Voltai la mia testa per mantenere ancora sacro
Il tuo bacio sulla mia bocca.

E rapidamente le dolci piogge del tempo brillante di Aprile
Non trovarono le mie labbra dove sono i baci viventi;
Chinai la testa in caso accendessero la mia gloria
Come la pioggia accende una stella.

Io sono del mio amore ed egli è mio per sempre,
Chiusi con un sigillo e al sicuro tutto il tempo—
Pensi che potrei permettere ad un mendicante di entrare
Dove un re è stato prima?

Della stessa autrice:
Non sono tua
Quelli che amano
Verranno le dolci piogge

Non sono tua

Non sono tua
(Sara Teasdale St. Louis, Missouri, USA 8/8/1884 – St. Louis, Missouri, USA 29/1/1933)

Non sono tua, tu non mi sai annullare,
anche se a questo il mio essere anela:
perdermi come fuoco di candela
a mezzogiorno accesa, o neve in mare.

Tu m’ami, certo, e ancora mi seduce
il tuo spirito ardente, vivo sole;
pure, io resto io, colei che vuole
perdersi come lume in pura luce.

Oh, nell’amore fammi sprofondare,
strazia i miei sensi, fammi diventare
sorda e cieca in tempesta di tormenti,
tenue fiaccola tra maligni venti.

Della stessa autrice: Quelli che amanoVerranno le dolci piogge