Le emigrazioni degli uccelli

Le emigrazioni degli uccelli…
(Salvatore Toma Maglie, LE 11/5/1951 – Maglie, LE 17/3/1987)

Le emigrazioni degli uccelli
non rappresentano a volte
che la fuga
delle nostre depressioni
così come il letargo
della volpe del castoro
dello scoiattolo
dal mantello di plaid
ma se i primi
hanno la gioia delle ali
e gli altri
il conforto della clandestinità
a noi non resta
che l’archivio dei nostri sogni
il nostro concorrerci
adularci con violenza
in una gabbia made in CITTÀ.

(da: ’a camàsce II, anno 2, 2002)

Dello stesso autore:
Vento leggero che parli

Vento leggero che parli

Vento leggero che parli
(Salvatore Toma Maglie, LE 11/5/1951 – Maglie, LE 17/3/1987)

Vento leggero che parli
con voci di foglie
che apri i germogli
e li fai trepidare
nella primavera.
Vento che asciughi
i panni, bianchi
come visi di bambini,
e a volte con dolcezza
il sudore della fronte,
fà che la mia morte
sia liscia, serena
come il tuo respiro.

(da: Canzoniere della morte)