‘A Mamma

‘A Mamma
(Salvatore Di Giacomo Napoli, 12/3/1860 – Napoli, 5/4/1934)

Chi tene ‘a mamma
è ricche e nun ‘o sape;
chi tene ‘o bbene
è felice e nun ll’apprezza

Pecchè ll’ammore ‘e mamma
è ‘na ricchezza
è comme ‘o mare
ca nun fernesce maje.

Pure ll’omme cchiù triste e malamente
è ancora bbuon si vò bbene ‘a mamma.
‘A mamma tutto te dà,
niente te cerca

E si te vede e’ chiagnere
senza sapè ‘o pecché,
t’abbraccia e te dice:
“Figlio!!!”
E chiagne nsieme a te.

Traduzione:
La mamma

Chi ha la mamma
è ricco e non lo sa;
chi ha il bene
è felice e non l’apprezza.

Perchè l’amore di mamma
è una ricchezza;
è come il mare
che non finisce mai.

Anche l’uomo più cattivo e malvagio
è ancora buono se vuol bene alla mamma.
La mamma ti dà tutto
e niente ti chiede.

E se ti vede piangere
senza sapere il perché,
t’abbraccia e ti dice:
“Figlio!!!”
E piange insieme a te.

Dello stesso autore:
CatarìDint’ ‘o ciardino

Dint’ ‘o ciardino

Dint’ ‘o ciardino
(Salvatore Di Giacomo Napoli, 12/3/1860 – Napoli, 5/4/1934)

‘A vi’ llà, vestuta rosa
e assettata a nu sedile,
risciatanno st’addurosa
e liggiera aria d’abbrile,

cu nu libbro apierto nzino,
cu nu vraccio abbandunato,
sott’ ‘o piede ‘e mandarino,
sola sola Emilia sta.

C’aggia fa’? M’accosto? (E quase
arrivato lle so’ ncuollo…)
Core mio! Cu quanta vase
te vulesse salutà!

Nun me vede, nun me sente,
legge, legge, e nun se move:
e io ncantato ‘a tengo mente
cammenanno ncopp’ a ll’ove…

Ah!… s’avota!… – Emì… che liegge?
– Tu ccà stive?… E ‘a dó si’ asciuto?
– M’accustavo liegge liegge…
– Pe fa’ che? – Pe t’abbraccià!

– Statte!… – Siente… – (e ‘o libbro nterra
cade apierto…) Essa se scanza,
se vo’ sósere, mm’afferra,
rire e strilla: – Uh! no! no! no!… –

Na lacerta s’è fermata
e ce guarda a tutte e dduie.
Se sarrà scandalizzata,
sbatte ‘a coda e se ne fuie….

(Da: Ariette e sunette)

Traduzione di P. P. Pasolini:

Dentro il giardino

La vedi là; vestita di rosa
e seduta su una panchina
respirando guesta odorosa
e leggera aria d’aprile,

con un libro aperto grembo,
con un braccio abbandonato,
sotto l’albero di mandarino,
sola sola Emilia sta.

Che devo fare? M’avvicino? (E quasi
le sono addsso…)
Cuore mio! Con quanti baci
ti vorrei salutare!

Non mi vede, non mi sente,
legge, legge e non si muove;
e io incantato la contemplo
camminando in punta di piedi…

Ah!… si volta!… – Emilia… che leggi?
– Tu stavi qui?… E da dove sei uscito?
– Mi avvicinavo leggero leggero…
– Per far che?… – Per abbracciarti!

– Fermo!… – Senti… – (E il libro cade a terra
aperto …) Essa si schermisce,
vuole alzarsi, m’afferra,
ride e grida: – Uh! no! no! no!… / –

Una lucertola s’è fermata
e ci guarda tutti e due.
Si sarà scandalizzata,
sbatte la coda e se ne fugge…

Dello stesso autore:
Catarì

Catarì

Catarì
(Salvatore Di Giacomo Napoli, 12/3/1860 – Napoli, 5/4/1934)

Marzo: nu poco chiove
e n’ato ppoco stracqua
torna a chiòvere, schiove;
Ie ‘o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera,
mo d’ ‘o vierno ‘e ‘tempeste,
mo n’aria ‘e Primmavera.

N’auciello freddigliuso
aspetta ch’esce o sole,
ncopp’ ‘o tterreno nfuso
suspirano ‘e viole…

Catarì, che vuò cchiù?
Ntienneme, core mio,
Marzo, tu ‘o ssaje, si’ tu,
e st’auciello song’ io.

Traduzione:

Caterina

Marzo, un poco piove
e un altro poco smette:
torna a piovere, spiove,
ride il sole con l’acqua.

Ora un cielo celeste,
ora un’aria cupa e nera:
ora le tempeste dell’inverno,
ora un’aria di primavera.

Un uccello infreddolito
aspetta che esca il sole:
sulla terra umida
sospirano le viole.

Caterina, cosa vuoi più?
Comprendimi, cuore mio,
Marzo, lo sai, sei tu,
e quest’uccellino sono io.