Samarcanda

Samarcanda (Roberto Vecchioni n. a Carate Brianza, MB 25/6/1943) Ridere, ridere, ridere ancora, Ora la guerra paura non fa, Brucian nel fuoco le divise la sera, Brucia nella gola vino a sazietà, Musica di tamburelli fino all’aurora, Il soldato che tutta la notte ballò Vide tra la folla quella nera signora, Vide che cercava lui […]

Chiamami ancora amore

Chiamami ancora amore (Roberto Vecchioni n. a Carate Brianza, MB 25/6/1943) E per la barca che è volata in cielo che i bimbi ancora stavano a giocare che gli avrei regalato il mare intero pur di vedermeli arrivare; per il poeta che non può cantare, per l’operaio che ha perso il suo lavoro, per chi […]

Tutte le lettere d’amore sono ridicole

Tutte le lettere d’amore sono ridicole (Fernando Pessoa Lisbona, Portogallo 13/6/1888 – Lisbona, Portogallo 30/11/1935) Tutte le lettere d’amore sono ridicole. Non sarebbero lettere d’amore se non fossero ridicole. Anch’io ho scritto ai miei tempi lettere d’amore, come le altre, ridicole. Le lettere d’amore, se c’è l’amore, devono essere ridicole. Ma dopotutto solo coloro che […]

Epigramma 258

Epigramma 258 (Paolo Silenziario … – Costantinopoli 580) Amo di più le tue rughe, Filinna che lo splendore della giovinezza. Mi piace di sentire nella mano il tuo seno che piega giù pesante le sue punte più del seno diritto d’una ragazza. Il tuo autunno è migliore della sua primavera ed il tuo inverno è […]

In principio erat verbum

In principio erat verbum (Roberto Vecchioni n. a Carate Brianza, MB 25/6/1943) Il principio era il Verbo. Poi vennero il nome, il pronome, l’aggettivo; l’articolo, la prassi, la frase il sostantivo maschile, femminile. E non capimmo più niente.

Vai alla barra degli strumenti