Da un belvedere della val di Magra

Da un belvedere della val di Magra (Roberto Pazzi n. ad Ameglia, SP il 18/8/1946) Una volta, io lo so, qui c’è stata la gioia. L’aria ne trema ancora. Ancora non si è spento lo stupore della valle a vedersela un giorno andar via. (Da: L’esperienza anteriore, 1973) Dello stesso autore: L’acqua – Mutamenti – […]

Paura del mare

Paura del mare (Roberto Pazzi n. ad Ameglia, SP il 18/8/1946) Potessi risalire la corrente riuscire a una sorgente… Sono un pesce di fiume che teme di perdersi nel mare e ne ode lontanissimo il destino. (Da: Calma di vento, 1987) Dello stesso autore: L’acqua – Mutamenti

L’acqua

L’acqua (Roberto Pazzi n. ad Ameglia, SP il 18/8/1946) Quando ho sete faccio scorrere a lungo l’acqua, vorrei poterla bere più fresca, sempre più fresca. Mi è capitato di non potermi decidere e rimanere col bicchiere vuoto in mano, pensando all’acqua che berrei se attendessi ancora un po’. E’ una differenza così leggera, da riempire […]

Mutamenti

Mutamenti (Roberto Pazzi n. ad Ameglia, SP il 18/8/1946) Oggi sono quel che potrei essere, un foglietto bianco caduto per terra nella sala d'attesa della stazione. Quanto manca? la domanda è mutata in Quanto ho fatto? Imito la clessidra, so capovolgere dritto e rovescio, vuoto e pieno, bianco e nero, perdo peso, sono diventato più […]

Vai alla barra degli strumenti