Salmo

Salmo
(Paul Celan Cernăuţi, Ucraina 23/11/1920 – Parigi, Francia 20/4/1970)

Nessuno ci impasta di nuovo da terra e fango,
nessuno insuffla la vita alla nostra polvere.
Nessuno.

Che tu sia lodato, Nessuno.
È per amor tuo
che vogliamo fiorire.
Incontro a
te.

Noi un Nulla
fummo, siamo, resteremo
fiorendo:
la rosa del Nulla,
la rosa di Nessuno.

Con
lo stimma anima-chiara,
lo stame ciel-deserto,
la corona rossa
per la parola di porpora
che noi cantammo al di sopra,
ben al di sopra
della spina.

Dello stesso autore:
Fuga di morte
La morte è un fiore
Ritratto di un’ombra