Il gatto

Il gatto
(Nuno Júdice n. a Mexilhoeira Grande, Portogallo il 29/4/1949)

Un gatto, in casa, solitario, sale
sulla finestra perché dalla strada
lo vedano.

Il sole batte nel vetro
e riscalda il gatto che, immobile
sembra un oggetto.

Sta lì perché
lo invidino indifferente
a chi lo chiama.

Per non so quale privilegio,
i gatti conoscono
l’eternità.

Dello stesso autore:
Gioco
Un’ipotesi d’amore

Un’ipotesi d’amore

 

Finalmente ho trovato il segreto,
la chiave di cristallo che apre ciò che scrivo,
e un po’ ne ho paura.
Forse nell’infinità dei campi
dove, sul limitare del fiume, fiorisce il giglio
ho visto le tracce che hai lasciato
così come te – in un miraggio di tempo –
hai visto me all’ombra di quel dirupo.
Se la tua bocca, appena aperta
in un delirio di melograni,
mi ha toccato appena al di là del sogno,
io non me lo ricordo.
Quel che invece rammento,
nel flusso impreciso delle memorie notturne,
è la vampa rovente
di un pensiero d’amore.
Una pura e semplice ipotesi d’amore.

— Nuno Júdice —

 

immagine dal web

Gioco

Gioco
(Nuno Júdice n. a Mexilhoeira Grande, Portogallo il 29/4/1949)

Sapendo che ti amo,
e quanto sono difficili le cose dell’amore,
preparo in silenzio il tavolo
da gioco, colloco i pezzi
sulla scacchiera, dispongo i posti
necessari perché tutto
cominci: le sedie
una di fronte all’altra, sebbene sappia
che le mani non possono toccarsi,
e che al di là delle difficoltà,
esitazioni, arretramenti
o avanzamenti possibili, solo gli occhi
trasportano, forse, un’ipotesi
d’intendimento. È allora che arrivi,
è come se un vento di nord
entrasse da una finestra aperta,
tutto il gioco vola per aria,
il freddo ti riempie gli occhi di lacrime,
e mi spingi dentro, dove
il fuoco consuma quel che resta
del nostro rompicapo.

(Trad. di Giulia Lanciani)