fatture

fatture
(Massimiliano Chiamenti Firenze 17/11/1967 – Bologna 3/9/2011)

le uniche lettere che ricevo
sono ormai solo richieste di pagamenti
multe bolli sanzioni minacce
mai un messaggio con un invito a cena
o a leggere le mie poesie
da qualche parte
o un editore che mi voglia pubblicare
da me il mondo vuole solo soldi
che non ho più neanche per mangiare
allora ogni giorno mi alzo
spero di riuscire a trovare cibo
e attendo il momento del sonno
che mi liberi dall’incubo della mia vita
non cerco più niente
ho perduto tutto
e più niente mi interessa
tiro solo avanti
senza mai un aiuto
e attacchi sempre più omicidi
mi faranno morire tutti di fame
e di crepacuore
ma io continuo il mio cammino
anche se questo inferno
non si può chiamare vivere
eppure è così
nella vita ci vuole prudenza e senso pratico
o si perisce
e i guai non hanno mai rimedio
basta un attimo a commetterli
e poi non si rimedieranno mai
perché non mi uccido?
perché anche per togliersi la vita
ci vorrebbe un bello slancio di vitalità

(Da: Suicidal poems)

Dello stesso autore: contrastoi ragazzi fanno così

contrasto

contrasto
(Massimiliano Chiamenti Firenze 17/11/1967 – Bologna 3/9/2011)

la mia testa è piena di voci
voci dissonanti
ciascuna di loro ha preso uno spazio
è confusione tutto e contrasto
nel rettangolo delle forze
la risultante è zero
e le polarità scisse tra di loro
mi fanno fare un passo avanti
e uno indietro
così io resto fermo
e soffro sempre più
e mi manca la volontà
e mi manca la speranza
e chiedo aiuto
e aiuto non giunge
gli eventi e le persone mi dominano
resto in una gabbia
e crollo lentamente

Dello stesso autore: i ragazzi fanno così