Lascia sia il vento

Lascia sia il vento (Margherita Guidacci Firenze 25/4/1921 – Roma 19/6/1992) Lascia sia il vento a completar le parole che la tua voce non sa articolare. Non ci occorrono più le parole. Siamo entrambi il medesimo silenzio. Come due specchi, svuotati d’ogni immagine, che l’uno all’altro rendono un semplice raggio. E ci basta. (Da: Poesie […]

Alla fine dei secoli

Alla fine dei secoli (Margherita Guidacci Firenze 25/4/1921 – Roma 19/6/1992) Alla fine dei secoli, quando mi chiamerà un’altra voce e proverò per la seconda volta l’impeto di risurrezione prego che come questa volta, quando sei stato tu a chiamarmi, alzandomi stupita dalla fossa con le ossa che sentono la carne stendersi nuovamente su di […]

Anelli del tempo

Anelli del tempo (Margherita Guidacci Firenze 25/4/1921 – Roma 19/6/1992) Degli anelli del tempo, che si aggiungono sempre nuovi, furono alcuni così stretti che ne ricordo solo l’orrore di soffocare. In altri, larghi e informi, vagai smarrita senza un sostegno a cui aggrapparmi. I più, pallidamente indifferenti, si ammucchiavano gli uni sugli altri, subito saldandosi […]

Madame X

 Le poesie delle donne Madame X (Margherita Guidacci Firenze 25/4/1921 – Roma 19/6/1992) Io non sono il mio corpo. Mi è straniero, nemico. Ancora peggio è l’anima, E neppur con essa m’identifico. Osservo di lontano le rozze acrobazie di questa coppia con distacco, ironia – con disgusto talvolta. E intanto penso che la loro assenza […]

All’ipotetico lettore

 Le poesie delle donne All’ipotetico lettore (Margherita Guidacci Firenze 25/4/1921 – Roma 19/6/1992) Ho messo la mia anima fra le tue mani. Curvale a nido. Essa non vuole altro che riposare in te. Ma schiudile se un giorno la sentirai fuggire. Fa’ che siano allora come foglie e come vento, assecondando il suo volo. E […]

Atlante

Atlante (Margherita Guidacci Firenze 25/4/1921 – Roma 19/6/1992) Davanti a te la mia anima è aperta come un atlante: puoi seguire con un dito dal monte al mare azzurre vene di fiumi, numerare città, traversare deserti. Ma dai miei fiumi nessuna piena ti minaccia, le mie città non ti assordano con il loro clamore, il […]

Non voglio

Non voglio (Margherita Guidacci Firenze 25/4/1921 – Roma 19/6/1992) Tutti i vostri strumenti hanno nomi bizzarri e difficili, ma io vedo chiaro e so che in fondo sono solamente metri e gessetti con cui misurate e segnate – segnate e misurate senza stancarvi. Sfilate spilli di tra le labbra, come un sarto: me li appuntate […]

Vai alla barra degli strumenti