Epigrafe per una generazione

Epigrafe per una generazione
(
Lino Curci Napoli 1/3/1912 – Roma 26/12/1975)

Tutto scivola sulla superficie dell’anno,
non quel primo passo esitante
su un altro mondo, che vedemmo d’estate.

Tutto scivola, è già passato, le guerre
e la pace impossibile, i governi
della violenza, il fermento e i dolori
d’una generazione. Sono stanco
di negare me stesso e rifiutare la gioia,
anche questo finirà, lo sento,
tutto scivola con noi nell’abisso del tempo.

Ma quel nuovo passo sulla scala dell’uomo
e quel modo di viverlo e vederlo,
che fummo sulla lunga ora di morte
se non l’occhio che ha visto il piede che esplora,
il principio di un gesto interminabile
e l’amore felice di non compiersi.

Il vero amore che sa tornare al silenzio,
la vita consapevole di restare sommersa.
Fummo gli altri dopo di noi, la parola nel vento;
e tre uomini come noi che al ritorno pregavano in locale
isolato.
Guardateci nel nostro vero volto,
noi che fummo il presente e il passato, l’amore e il tempo.

Dello stesso autore: Ottobre

Ottobre

Ottobre
(
Lino Curci Napoli 1/3/1912 – Roma 26/12/1975)

Strade d’ocra leggere, solitarie
in quell’aria dorata, dal timone
dei rossi carri l’uomo silenzioso
guarda lontano, va la vigna bassa
fino alla proda: come canta l’ora
d’autunno prima del tramonto! Un fumo
di pienezza felice la rallegra,
evàpora e rallenta
tutta la vita. Contemplavo a valle
le crete digradanti intorno i poggi
con i paesi. A chi rubavo quella
felicità così calma e stordita?
Ed ero come il grappolo che resta
legato al tralcio dopo la vendemmia.

(Da: Un fuoco nella notte)