Monotonia

Monotonia (Konstantinos Kavafis Alessandria d’Egitto 29/4/1863 – Alessandria d’Egitto 29/4/1933) Segue a un giorno monotono un nuovo giorno, monotono, immutabile. Accadranno le stesse cose, accadranno di nuovo tutti i momenti uguali vengono, se ne vanno. Un mese passa e un altro mese accompagna. Ciò che viene s’immagina senza calcoli strani: è l’ieri, con la nota […]

Torna

  Torna Torna, prendimi spesso, amato spasimo, torna quando del corpo la memoria si ralluma, in quegli istanti prendimi: quando riagita il sangue le remote sue voglie e a labbra e carne si agglutìnano i ricordi, e sulle mani ancora la sensazione del toccare infuria. Torna più volte, prendimi di notte, tutta la carne nel […]

Aspettando i barbari

Aspettando i barbari (Konstantinos Kavafis Alessandria d’Egitto 29/4/1863 – Alessandria d’Egitto 29/4/1933) Che aspettiamo, raccolti nella piazza? Oggi arrivano i barbari. Perché mai tanta inerzia nel Senato? E perché i senatori siedono e non fan leggi? Oggi arrivano i barbari. Che leggi devon fare i senatori? Quando verranno le faranno i barbari. Perché l’imperatore s’è […]

Lontano

Lontano (Konstantinos Kavafis Alessandria d’Egitto 29/4/1863 – Alessandria d’Egitto 29/4/1933) Dire vorrei questo ricordo… Ma s’è così spento… quasi nulla resta: lontano, ai primi anni d’adolescenza, posa. Pelle di gelsomino… E la sera d’agosto (agosto fu?)… Ormai ricordo appena gli occhi: azzurri, forse… Oh, azzurri, sì! come zaffiro azzurri.

S’è avvolto nelle tenebre il mondo…

S’è avvolto nelle tenebre il mondo… (Konstantinos Kavafis Alessandria d’Egitto 29/4/1863 – Alessandria d’Egitto 29/4/1933) S’è avvolto nelle tenebre il mondo, non temere. Non credere durevole tutto ciò ch’è oscuro. Sei vicino ai piaceri, amico, alle valli, ai fiori: osa, non ti fermare. Ecco, già sorge l’alba! Solo una nebbia lieve il tuo sguardo intimorisce. […]

Brame

Brame (Konstantinos Kavafis Alessandria d'Egitto 29/4/1863 – Alessandria d'Egitto 29/4/1933) Corpi belli di morti, che vecchiezza non colse: li chiusero, con lacrime, in mausolei preziosi, con gelsomini ai piedi e al capo rose. Tali sono le brame che trascorsero inadempiute, senza voluttuose notti, senza mattini luminosi.

Per quanto puoi

Per quanto puoi (Konstantinos Kavafis Alessandria d’Egitto 29/4/1863 – Alessandria d’Egitto 29/4/1933) E se non puoi la vita che vorresti, almeno questo tenta per quanto puoi: non la umiliare con i troppi contatti con la gente, con i troppi gesti e discorsi. Non la umiliare portandola troppo in giro, esponendola alla stupidità quotidiana dei rapporti e […]

Itaca

Itaca (Konstantinos Kavafis Alessandria d’Egitto 29/4/1863 – Alessandria d’Egitto 29/4/1933) Quando ti metterai in viaggio per Itaca devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure e in esperienze. I Lestrigoni e i Ciclopi o la furia di Nettuno non temere, non sarà questo il genere di incontri se il pensiero resta alto e un […]

Vai alla barra degli strumenti