Novembre

Novembre
(Julia Hartwig Lublino, Polonia 14/8/1921 – Gouldsboro, Pennsylvania, USA 14/7/2017)

Le gambe immobili dei salici sull’acqua
mentre i rami immersi vorrebbero scorrere via
qualcuno invisibile suona il flauto
ma sul ponte non si vede nessuno
A che scopo tornare qui dopo anni
e come sopportare questo equilibrio di bellezza
questo vasto cielo che sulle spalle reggono
le distinte case dell’Isola di San Luigi
Sul fiume naviga un battello con lieve ronzio
un acrobata prova un difficile salto sulla riva
vibra la pelle toccata dal sole
e un blando respiro dell’aria ti accompagna
attraverso novembre e la sua scia di foglie
Non parlare di ciò che qui hai lasciato
non parlare di ciò che ricordi
in questo fiume sono annegati migliaia di cuori
con la nebbia dei ricordi si potrebbe spartire un continente

(Trad. di Paolo Statuti)

Della stessa autrice: Il gatto MaurizioOvunqueSemplicemente

Semplicemente

Semplicemente
(Julia Hartwig Lublino, Polonia 14/8/1921 – Gouldsboro, Pennsylvania, USA 14/7/2017)

Tutto arriverà al momento giusto
ma non il tempo della rinascita delle prime speranze
e dei primi amori
né il perdurare in parole di ciò che ti passa per la testa come vento
e a volte è il presentimento di qualche importante verità
ma fugge via veloce come per burla
Arriva tuttavia il momento irrevocabile
in cui a tua volta cominci a perdere tutto ciò che amavi
e tutti quelli che se ne vanno da qui
senza rivelarti se vanno via delusi
Arriva questo momento
e tu lo accogli senza vergogna né umiltà
ma così semplicemente

(Trad. di Paolo Statuti)

Della stessa autrice: Il gatto MaurizioOvunque

Il gatto Maurizio

Il gatto Maurizio
(Julia Hartwig Lublino, Polonia 14/8/1921 – Gouldsboro, Pennsylvania, USA 14/7/2017)

Lo chiamano ladrone gangster lestofante e spillatore
discolo e attaccabrighe
Disturba durante i pasti salta sulla tavola
e fruga tra bicchieri e bicchierini
strappa i pacchi con il cibo porta nel musetto uno storno catturato
che voleva visitare a piedi il prato davanti casa
e ha pagato con la vita questa incauta passeggiata
Esige irrevocabilmente di entrare o uscire dalla stanza o dalla cucina
si azzuffa rabbiosamente coi gatti del vicinato
lanciando al tempo tesso spaventosi urli da belva della giungla
Non lusinga nessuno ed è inflessibile nelle sue voglie
indifferente agli ordini e alle carezze
sì alle carezze perché non considerando la sua natura
lo vezzeggiano e lo stringono al petto
incantati dalla sua armoniosa andatura e dagli agili balzi
gli danno i bocconi migliori e lo fanno dormire nei propri letti
Dunque non per le virtù e il carattere è un premio l’amore
e non per l’ubbidienza e nemmeno per la lealtà
ma per il fascino e l’arroganza
per la vita in se stessa in tutta la sua evidenza
Grande infatti è in noi il bisogno di amare

Della stessa autrice:
Ovunque

Ovunque

Ovunque
(Julia Hartwig Lublino, Polonia 14/8/1921 – Gouldsboro, Pennsylvania, USA 14/7/2017)

Ovunque questo mio io.
Non potrebbe abbandonarmi un istante?
Mi dice: Sii te stessa, è gia qualcosa
Altre volte: Scavalca te stessa, questa si che è un’arte.
O altrove: Non scavalcherai te stessa.
Si vanta di non essere noioso, di avere sempre qualcosa che gli accade.
Ma lo soffoca questa incessante intimità
E così corre al mare, si perde in quel paesaggio
si immedesima nei racconti altrui, poi
si allontana scoraggiato.
Lo riflettono tutti i vetri che lo oltrepassa,
le pozzanghere,
le pupille degli occhi degli altri.