Gli ammalati

Gli ammalati
(Horacio Salas n. a Buenos Aires, Argentina il 13/8/1938)

Cresce il dolore in noi come un oscuro fiore,
ci avvinghia a poco a poco, ci brucia, ci asfissia,
si stira tra le lenzuola,
ci distrugge.
Come un lento vampiro ci divora,
si muta in una compagnia,
un’amicizia oscena del nostro sangue.
Il dolore ci trasforma in un insetto vischioso,
in un sudicio spettacolo, in un grottesco odore.
Ci costringe a ricordare la morte
e ci accorgiamo allora
che la solitudine non è soltanto una parola,
che la mano sulla fronte ad addolcire il sonno
è una forma di pietà, non di tenerezza.