La bbona famijja

La bbona famijja
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

Mi’ nonna a un’or de notte che vviè Ttata
se leva da filà, ppovera vecchia,
attizza un carboncello, sciapparecchia,
e mmaggnamo du’ fronne d’inzalata.

Quarche vvorta se fâmo una frittata,
che ssi la metti ar lume sce se specchia
come fussi a ttraverzo d’un’orecchia:
quattro nosce, e la scena è tterminata.

Poi ner mentre ch’io, Tata e Ccrementina
seguitamo un par d’ora de sgoccetto,
lei sparecchia e arissetta la cuscina.

E appena visto er fonno ar bucaletto,
’na pissciatina, ’na sarvereggina,
e, in zanta pasce, sce n’annamo a letto.

28 novembre 1831

La buona famiglia

Mia nonna ad un’ora della sera, quando viene babbo,
smette di filare, povera vecchia,
accende un tizzo di carbone, ci apparecchia la tavola
e mangiamo due foglie d’insalata.

Qualche volta abbiamo una frittata,
che se la metti vicino ad un lume è trasparente
come un’orecchia,
quattro noci, e la cena è terminata.

Poi mentre io, babbo e Clementina
continuiamo per un paio d’ore a farci un goccetto di vino,
lei sparecchia e rassetta la cucina.

E appena arriviamo al fondo del boccale
una pisciatina, una Salve Regina
e, in santa pace, ce ne andiamo a letto.

Dello stesso autore: A Padron MarcelloEr caffettiere filosofoEr calloEr confessoreEr frutto de la predicaEr giorno der giudizzioL’amore de li mortiL’istateLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLa vita dell’OmoLi du’ ggener’umaniLi Prelati e li CardinaliPasqua Bbefania

La vita dell’Omo

La vita dell’Omo
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

Nove mesi a la puzza: poi in fassciola
tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni:
poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola,
cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni.

Poi comincia er tormento de la scola,
l’abbeccè, le frustate, li ggeloni,
la rosalía, la cacca a la ssediola,
e un po’ de scarlattina e vvormijjoni.

Poi viè ll’arte, er diggiuno, la fatica,
la piggione, le carcere, er governo,
lo spedale, li debbiti, la fica,

er zol d’istate, la neve d’inverno…
E pper urtimo, Iddio sce bbenedica,
viè la Morte, e ffinissce co l’inferno.

18 gennaio 1833

(Da Sonetti romaneschi)

La vita dell’uomo

Nove mesi nella puzza: poi avvolto in fasce
sempre sbaciucchiato, con le croste lattee e i lacrimoni:
poi al laccio, dentro un girello, con una vesticciola,
un copricapo e un’imbragatura al posto dei calzoni.

Poi comincia il tormento della scuola,
l’abbiccì, le frustate per punizione, i geloni per il freddo,
la rosolia, dover far la cacca sul vasetto
e un accenno di scarlattina e di vaiolo.

Poi viene il lavoro, il digiuno, la fatica;
l’affitto, il carcere, il governo,
l’ospedale, i debiti, la fica,

il sole l’estate e la neve d’inverno…
E alla fine, che Dio ci benedica,
viene la Morte e tutto finisce all’Inferno.

Dello stesso autore:
A Padron Marcello
Er caffettiere filosofo
Er callo
Er confessore
Er frutto de la predica
Er giorno der giudizzio
L’amore de li morti
L’istate
La creazzione der Monno
La Messa de San Lorenzo
Li du’ ggener’umani
Li Prelati e li Cardinali
Pasqua Bbefania

Li Prelati e li Cardinali

Li Prelati e li Cardinali
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

Pìjjete gusto: guarda a uno a uno
tutti li Cardinali e li Prelati;
e vvederai che de romani nati
sce ne sò(1) ppochi, o nnun ce n’è ggnisuno.(2)

Nun ze(3) sente che Nnapoli, Bbelluno,
Fermo, Fiorenza, Ggenova, Frascati…
e cqualunque scittà lli ppiú affamati
li manna(4) a Rroma a ccojjonà er diggiuno.

Ma ssaría poco male lo sfamalli
er pegg’è cche de tanti che cce trotteno(5)
li somari sò ppiú de li cavalli.

E Rroma, indove viengheno(6) a ddà ffonno,
e rrinnegheno Iddio, rubben’e ffotteno,
è la stalla e la chiavica der Monno.

27 maggio 1834

(Da Sonetti romaneschi)

1. Ce ne sono.
2. Nessuno.
3. Non si.
4. Manda.
5. Ci trottano. Trottare, per «accorrere».
6. Vengono.

Dello stesso autore: A Padron MarcelloEr caffettiere filosofoEr calloEr confessoreEr frutto de la predicaEr giorno der giudizzioL’amore de li mortiL’istateLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania

A Padron Marcello

  2770° Natale di Roma

A Padron Marcello
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

Chi ha ffrabbicato(1) Roma, er Vaticano,
er Campidojjo, er Popolo,(2) er Castello?
Furno Romolo e Rmemolo, Marcello,
che ggnisun de li dua era romano.

Ma un e ll’antro(3) volenno esse(4) soprano(5)
de sto paese novo accusí bbello,
er fratello nimmico der fratello
vennero a ppatti cor cortello in mano.

Le cortellate aggnédero(6) a le stelle;
e Rroma addiventò ddar primo ggiorno
com’è oggi, una Torre-de-Bbabbelle.

De li sfrizzoli(7) oggnuno ebbe li sui:
e Rroma, quelli dua la liticorno,(8)
ma vvenne er Papa e sse la prese lui.

27 novembre 1833

(Da Sonetti romaneschi)

1. Fabbricato.
2. La Piazza e il Rione del Popolo.
3. Uno e l’altro.
4. Volendo essere.
5. Sovrano.
6. Andarono.
7. Dei colpi.
8. Litigarono.

Dello stesso autore: Er caffettiere filosofoEr calloEr confessoreEr frutto de la predicaEr giorno der giudizzioL’amore de li mortiL’istateLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania

Er confessore

Er confessore
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

«Padre…». «Dite il confiteor». «L’ho ddetto».
«L’atto di contrizione?» «Ggià l’ho ffatto».
«Avanti dunque». «Ho ddetto cazzo-matto
a mmi’ marito, e jj’ho arzato(1) un grossetto(2)».
«Poi?» «Pe una pila che mme róppe(3) er gatto
je disse for de mé: “Ssi’ mmaledetto”;
e è ccratura de Ddio!». «C’è altro?» «Tratto
un giuvenotto e cce sò ita a lletto».
«E llí ccosa è ssucesso?» «Un po’ de tutto».
«Cioè? Sempre, m’immagino, pel dritto».
«Puro a rriverzo…». «Oh che peccato brutto!
Dunque, in causa di questo giovanotto,
tornate, figlia, cor cuore trafitto,
domani, a casa mia, verso le otto».

17 dicembre 1832, da I sonetti

1. Rubato.
2. Mezzo paolo d’argento.
3. Ruppe.

Dello stesso autore: Er caffettiere filosofoEr calloEr frutto de la predicaEr giorno der giudizzioL’amore de li mortiL’istateLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania

Er frutto de la predica

Er frutto de la predica
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

Letto ch’ebbe er Vangelo, in piede in piede
quer bon Padre Curato tanto dotto
se(1) piantò cco le chiappe sul paliotto
a spiegà li misteri de la fede.

Ce li vortò de sopra e ppoi de sotto:
ciariccontò(2) la cosa come aggnede(3);
e de bbone raggione sce ne diede
piú assai de sei via otto quarantotto.

Riccontò ’na carretta de parabbole,
e cce ne fesce poi la spiegazzione,
come fa er Casamia doppo le gabbole(4).

Inzomma, da la predica de jjeri,
ggira che tt’ariggira, in concrusione
venissimo(5) a ccapí cche ssò(6) mmisteri.

29 novembre 1834

1. Si.
2. Ci raccontò.
3. Andò.
4. Cabale dell’astronomo Casamia per il gioco del lotto.
5. Venimmo.
6. Sono.

Dello stesso autore: Er caffettiere filosofoEr calloEr giorno der giudizzioL’amore de li mortiL’istateLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania

L’amore de li morti

L’amore de li morti
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

A sto paese tutti li penzieri,
tutte le lòro carità ccristiane
sò ppe li morti; e appena more un cane
je se smoveno tutti li bbraghieri.(1)

E ccataletti, e mmoccoli, e incenzieri,
e asperge, e uffizzi, e mmusiche, e ccampane,
e mmesse, e ccatafarchi, e bbonemane,(2)
e indurgenze, e ppitaffi, e ccimiteri!…

E intanto pe li vivi, poveretti!,
gabbelle, ghijjottine, passaporti,
mano-reggie, galerre e ccavalletti.

E li vivi poi-poi,(3) bboni o ccattivi,
sò cquarche ccosa mejjo de li morti:
nun fuss’antro(4) pe cquesto che ssò vvivi.

Roma, 19 settembre 1835

1. Si mettono tosto in faccende.
2. Mance.
3. Alla fine de’ conti.
4. Non foss’altro.

Dello stesso autore: Er caffettiere filosofoEr calloEr giorno der giudizzioL’istateLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania

L’istate

L’istate
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

’Na caliggine come in cuest’istate
nu la ricorda nemmanco mi’ nonno.
Tutt’er giorno se smania, e le nottate
beato lui chi rrequia e ppijja sonno!

L’erbe, in campaggna, pareno abbrusciate:
er fiume sta cche jje se vede er fonno:
le strade sò ffornasce spalancate;
e sse diría che vvadi a ffoco er Monno.

Nun trovi antro che ccani mascilenti
sdrajati in ’gni portone e ’ggni cortile,
co la lingua de fora da li denti.

Nun piove ppiú dda la mità dd’aprile:
nun rispireno ppiú mmanco li venti…
Ah! Iddio sce scampi dar calor frebbile!

Roma, 8 febbraio 1833

L’estate

Una caligine come in quest’estate
non la ricorda neanche mio nonno.
Tutto il giorno si smania, e di notte
beato chi ha requie e prende sonno!

Le erbe in campagna sembrano bruciate:
il Tevere è così povero d’acqua che gli si vede il fondo,
le strade sono fornaci spalancate,
e si direbbe che vada a fuoco il Mondo.

Non trovi altro che cani macilenti
sdraiati in ogni portone e cortile,
con la lingua fuori dai denti.

Non piove dalla metà di aprile,
non respirano più neanche i venti…
Ah Iddio ci scampi dal calor febbrile!

Dello stesso autore: Er caffettiere filosofoEr calloEr giorno der giudizzioLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania

Er callo

Er callo
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

Uff! che bbafa d’inferno! che callaccia!
Io nun ho arzato un deto e ggià ssò stracca:
oh cche llasseme-stà! ssento una fiacca,
che nnun zò bbona de move le bbraccia.

Sto nnott’e ggiorno co li fumi in faccia,
sudanno a ggocce peggio d’una vacca;
che inzino la camiscia me s’attacca
su la pelle. Uhm, si ddura nun ze caccia.

Ho ttempo a ffamme vento cor ventajjo,
a bbeve acqua e sguazzamme a le funtane:
è ttutto peggio, perché ppoi me squajjo.

P’er maggnà, ccrederai? campo de pane.
E nnun te dico ggnente der travajjo
de ste purce, ste mosche e ste zampane.

Roma, 7 febbraio 1833

 

 

Il caldo

Uff! Che afa d’inferno! Che calura!
Non ho fatto il minimo movimento, eppure sono già stanchissima:
oh, che apatia! Sento una debolezza tale
che non posso neanche alzare le braccia.

Notte e giorno ho le caldane sul viso,
sudando a gocce peggio di una vacca,
tanto che perfino la camicia mi si attacca
alla pelle. Uhm, se dura questa situazione non se ne esce.

Tempo sprecato a farmi vento col ventaglio,
bere acqua, e sguazzare nelle fontane,
è peggio, perché poi mi squaglio.

In quanto al mangiare, ci crederai?, vivo di pane.
E non ti dico nulla del fastidio
di queste pulci, mosche e zanzare.

Dello stesso autore: Er caffettiere filosofoEr giorno der giudizzioLa creazzione der MonnoLa Messa de San LorenzoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania

La Messa de San Lorenzo

La Messa de San Lorenzo
(Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863)

Un giorno, a Ssan Lorenzo, entrò un ziggnore
e aggnéde in zagristia co un colonnato,
acciò un prete sciavessi scelebbrato
una messa d’un scudo de valore.

Er prete in ner momento fu ttrovato:
la messa se cantò a l’artar-maggiore;
e un’anima purgante ebbe l’onore
de volà in paradiso a bbommercato.

Ma appena er prete se cacciò la vesta,
accortose la piastra ch’era farza,
attaccò un Cristo, e ffesce una protesta.

E ll’anima sarvata ebbe er martorio,
stante la messa che nnun j’era varza,
di tornassene addietro in purgatorio.

26 aprile 1834

La Messa di San Lorenzo

Un giorno, a San Lorenzo, entrò un signore
e andò in sagrestia con un colonnato[1],
affinché un prete avesse celebrato
una messa del valore d’uno scudo.

Il prete fu trovato immediatamente:
la messa si cantò all’artare maggiore;
e un’anima del purgatorio ebbe l’onore
di volare in paradiso a buon mercato.

Ma appena il prete si tolse la veste,
accortosi che la piastra era falsa,
attaccò un Cristo[2], e fece una protesta.

E l’anima salvata ebbe il tormento,
stante che la messa non gli era valsa,
de tornarsene indietro in purgatorio.

[1] Moneta spagnola, detta «colonnato» o «pezzoduro»
[2] Bestemmiò

Dello stesso autore: Er caffettiere filosofoEr giorno der giudizzioLa creazzione der MonnoLi du’ ggener’umaniPasqua Bbefania