La bbona famijja

La bbona famijja (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) Mi’ nonna a un’or de notte che vviè Ttata se leva da filà, ppovera vecchia, attizza un carboncello, sciapparecchia, e mmaggnamo du’ fronne d’inzalata. Quarche vvorta se fâmo una frittata, che ssi la metti ar lume sce se specchia come fussi a ttraverzo d’un’orecchia: […]

La vita dell’Omo

La vita dell’Omo (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) Nove mesi a la puzza: poi in fassciola tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni: poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola, cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni. Poi comincia er tormento de la scola, l’abbeccè, le frustate, li ggeloni, la rosalía, la cacca […]

Li Prelati e li Cardinali

Li Prelati e li Cardinali (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) Pìjjete gusto: guarda a uno a uno tutti li Cardinali e li Prelati; e vvederai che de romani nati sce ne sò(1) ppochi, o nnun ce n’è ggnisuno.(2) Nun ze(3) sente che Nnapoli, Bbelluno, Fermo, Fiorenza, Ggenova, Frascati… e cqualunque scittà lli […]

A Padron Marcello

  2770° Natale di Roma A Padron Marcello (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) Chi ha ffrabbicato(1) Roma, er Vaticano, er Campidojjo, er Popolo,(2) er Castello? Furno Romolo e Rmemolo, Marcello, che ggnisun de li dua era romano. Ma un e ll’antro(3) volenno esse(4) soprano(5) de sto paese novo accusí bbello, er fratello […]

Er confessore

Er confessore (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) «Padre…». «Dite il confiteor». «L’ho ddetto». «L’atto di contrizione?» «Ggià l’ho ffatto». «Avanti dunque». «Ho ddetto cazzo-matto a mmi’ marito, e jj’ho arzato(1) un grossetto(2)». «Poi?» «Pe una pila che mme róppe(3) er gatto je disse for de mé: “Ssi’ mmaledetto”; e è ccratura de […]

Er frutto de la predica

Er frutto de la predica (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) Letto ch’ebbe er Vangelo, in piede in piede quer bon Padre Curato tanto dotto se(1) piantò cco le chiappe sul paliotto a spiegà li misteri de la fede. Ce li vortò de sopra e ppoi de sotto: ciariccontò(2) la cosa come aggnede(3); […]

L’amore de li morti

L’amore de li morti (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) A sto paese tutti li penzieri, tutte le lòro carità ccristiane sò ppe li morti; e appena more un cane je se smoveno tutti li bbraghieri.(1) E ccataletti, e mmoccoli, e incenzieri, e asperge, e uffizzi, e mmusiche, e ccampane, e mmesse, e […]

L’istate

L’istate (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) ’Na caliggine come in cuest’istate nu la ricorda nemmanco mi’ nonno. Tutt’er giorno se smania, e le nottate beato lui chi rrequia e ppijja sonno! L’erbe, in campaggna, pareno abbrusciate: er fiume sta cche jje se vede er fonno: le strade sò ffornasce spalancate; e sse […]

Er callo

Er callo (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) Uff! che bbafa d’inferno! che callaccia! Io nun ho arzato un deto e ggià ssò stracca: oh cche llasseme-stà! ssento una fiacca, che nnun zò bbona de move le bbraccia. Sto nnott’e ggiorno co li fumi in faccia, sudanno a ggocce peggio d’una vacca; che […]

La Messa de San Lorenzo

La Messa de San Lorenzo (Giuseppe Gioachino Belli Roma 7/9/1791 – Roma 21/12/1863) Un giorno, a Ssan Lorenzo, entrò un ziggnore e aggnéde in zagristia co un colonnato, acciò un prete sciavessi scelebbrato una messa d’un scudo de valore. Er prete in ner momento fu ttrovato: la messa se cantò a l’artar-maggiore; e un’anima purgante […]

Vai alla barra degli strumenti