La calma dei fatti

La calma dei fatti (Giovanni Giudici Le Grazie (Porto Venere), SP 26/6/1924 – La Spezia 24/5/2011) Tutto è un enigma, tentiamo di indovinarlo Non con la mente, ma con movimenti del corpo: Contiamo uno due passi, ma è il terzo che ci dirà Se il sentiero imboccato è morto. O se è il buco di […]

La ragazzetta che voleva mostrarmi una cosa

La ragazzetta che voleva mostrarmi una cosa (Giovanni Giudici Le Grazie (Porto Venere), SP 26/6/1924 – La Spezia 24/5/2011) La ragazzetta che voleva mostrarmi una cosa innocente benchè misteriosa – noi due sotto il letto accucciati sul freddo pavimento – mi sussurrava «aspetta» – era soltanto un gioco diverso un poco dagli altri – ma […]

Tanto giovane

Tanto giovane (Giovanni Giudici Le Grazie (Porto Venere), SP 26/6/1924 – La Spezia 24/5/2011) "Tanto giovane e tanto puttana": ci hai la nomina e forse non è colpa tua – è la maglia di lana nera e stretta che sparla di te. E la bocca ride agra: ma come ti morde il cuore sa chi […]

Aspettavamo

Aspettavamo (Giovanni Giudici Le Grazie (Porto Venere), SP 26/6/1924 – La Spezia 24/5/2011) Aspettavamo il sol dell’avvenire Tuttavia gonfio il cuore di passato Increduli che al mondo altro sentire Potesse darsi vero o immaginato Accesa tonda mela all’orizzonte Avanti e indré ballavi malandrina Fosti la vita che ci bacia in fronte Subito tentatrice e poi […]

Ai pompieri di New York

Ai pompieri di New York (Giovanni Giudici Le Grazie (Porto Venere), SP 26/6/1924 – La Spezia 24/5/2011) Bambini in trecento son morti Bambini che prima di ieri Erano giovani e forti A loro nei vostri pensieri Tenetevi stretti un minuto Quando giocate ai pompieri Il vostro gentile saluto (Pubblicata sul «Corriere della Sera» il 16/9/2001)

La vita in versi

La vita in versi (Giovanni Giudici Le Grazie (Porto Venere), SP 26/6/1924 – La Spezia 24/5/2011) Metti in versi la vita, trascrivi fedelmente, senza tacere particolare alcuno, l'evidenza dei vivi. Ma non dimenticare che vedere non è sapere, né potere, bensì ridicolo un altro voler essere che te. Nel sotto e nel soprammondo s'allacciano complicità […]

Come non mai

Come non mai (Giovanni Giudici n. a Le Grazie (Porto Venere), SP 26/6/1924) Come non mai da che son nato ho pianto Rotto in singhiozzi a una tua parola: Sei un bambino che sempre sta cercando La mamma con i tondi occhi di allora È sempre maggio e si distende in festa All’ottavo chilometro il […]

Dal cuore del miracolo

Dal cuore del miracolo (Giovanni Giudici n. a Le Grazie (Porto Venere), SP 26/6/1924) Parlo di me, dal cuore del miracolo: la mia colpa sociale è di non ridere, di non commuovermi al momento giusto. E intanto muoio, per aspettare a vivere. Il rancore è di chi non ha speranza: dunque è pietà di me […]

La storia

La storia (Giovanni Giudici n. a Le Grazie (Porto Venere), SP 26/6/1924)   Lo spazio di ogni vita di uomo dura la storia – non è vero che dura millenni.  

Vai alla barra degli strumenti