Notturno

Dimmi, t’è mai successo? Via solitaria a tarda sera, trentatré passi appena al cancello, li hai contati. I sensi inquieti. La porta richiusa, resti tesa. Penombra concava, paura, silhouette scura – il sangue trattiene il fiato, una pietra in gola, cuore di preda tambura danza di morte nel petto. Nella nuca pulsano oracoli di madre: […]

Vai alla barra degli strumenti