VIA FIORINO FIORINI – MUSICISTA

  75° anniversario dell’Eccidio delle Fosse Ardeatine 1944 – 2019

VIA FIORINO FIORINI – MUSICISTA
(caduto alle fosse ardeatine)

(Gian Piero Stefanoni n. a Roma nel 1967)

I.

Capita spesso per Roma di incontrare
tra giudici, atleti e località sconosciute,
vie che ricordano le vittime delle fosse ardeatine.

Eppure anche loro avevano una professione, un mestiere,
un’ora precisa al mattino e un rientro dato alla sera.

Ma non sono ricordati per questo.

Qualcuno li cercò nelle case, nelle strade,
separandoli dai loro gesti di sempre,
da quel solo pensiero per chi li attendeva.

Il loro nome però a volte ritorna
insieme a qualcosa di familiare
a qualcosa che ancora risuona.

Al maggiore dei carabinieri Ugo De Carolis,
per esempio, è intitolata la via della Balduina
dove i miei nonni abitavano.

Conosco via Manfredi Azzarita
per la vicinanza alla scuola dove ho fatto il ginnasio.
Sotto a quella collina sulla Cassia
c’è ancora un maneggio ed è curiosopensando
a quel capitano di cavalleria trucidato a vent’anni.

Pure, non stride la corsa
che da quei campi si distende nel grido,
c’è un incontro tra noi e quella vita rubata,
una forza che si rivela nel salto
là dove l’oltraggio fiorisce poi nella carne.

Così l’abbraccio dove ora la città rivive
è anche la visione dei giorni che a loro mancarono
e targa dopo targa, quelle strade, quelle piazze,
quelle caserme, ci legano nel loro naturale scorrere
alla violazione di ciò che fummo, al tradimento
in quelle identità dell’intima sacralità del mondo.

Sacralità che invece a noi è stato dato di esprimere
e nei cui echi i nostri talenti si specchiano.

Perché non furono solo massacro quegli uomini
nel peso di un’umanità più dolente.

II.

Venivano da mondi diversi,
avevano un lavoro e un età diversa
in una geografia di tanti quartieri.

Una stele ne raccoglie cinquantasei
in Via del banco di Santo Spirito
dietro corso Vittorio, a un centinaio
di metri dal ponte degli Angeli.

E’ in memoria delle vittime dei rioni
Parione, Ponte, Campo Marzio e Regola.

Le loro occupazioni raccontano bene
nella fatica il cuore
e la vivacità di quei luoghi.

Componenti anche della stessa famiglia che persero
insieme la vita, passando dal lavoro alla morte.

Genitori, fratelli, nipoti il cui cognome,
in certi casi, fu metro per la condanna:
i Di Segni, i Di Veroli, i Limentani, i Sonnino,
per un totale di settantacinque ebrei inghiottiti
dalle cave per la sola ed errata appartenenza religiosa.

Ciò che mi colpisce, poi, è che ad alcuni di loro
sono state intitolate strade lontano
dalle zone dove sono vissuti e cresciuti.

Tra questi l’avvocato Carlo Zaccagnini
qui ricordato, il cui nome ora si leva
a Tor de Cenci tra gli altri trucidati
celebrati cosi nel quartiere.

O Enrico Mancini, ebanista della Garbatella,
uno dei tanti non romani a legarsi per sempre
al destino della città ed ora inciso per noi
sulla Giustiniana direzione La Storta.

Venivano da Valle Aurelia, San Lorenzo, Prati,
Centocelle, Tor Pignattara, Quadraro.
Furono pianti al Salario, a La Storta,
a Trastevere, Montesacro, Pietralata,Trionfale.

Appartenevano ad una lingua presente e chiara
nel riconoscimento e nel corpo fermo
di una stessa invariata sostanza.

Uomini, nella mattanza: a disperdere ogni sentenza.

III.
(elegia della Cava)

Di quale città siamo figli, mi domando
attraversandola; di quali fedeltà,
di quali resti che ancora ci accompagnano
se divisione poi è parola giusta a dire
tempo, ove sua assenza, suo disinganno.

Anima provata che per più aperta luce
si sparge, il respiro risalendo in un ritorno
di luoghi e volti da una irraggelata fede,
da una propria mai rigettata speranza.

Rigore e amore di chi ha in sé la sua terra
e alla terra si offre, ingemmandola
di quel solo possesso: disadorno e sgombro
fervore che nell’incontro allo scambio
ci affida, della cura spartendo l’affanno.

Ma ed è qui la forza o la pena
che ne rivela o ne immiserisce il mistero,
se l’ansia dal nulla trae ancora il suo miglior seme.

Ché seme vero è accompagnamento,
non dispersione, in affermazione
di una comune e ricomposta rinascita.

Ed ora, sola a te sopravvivi mentre chi bussa
ha forse in sé la propria e la nostra salvezza,
Roma che volgi al nuovo ma che del nuovo
hai ancora lo spregio che misura i tuoi ragazzi all’offesa.