La piccola ebrea

La piccola ebrea
(Egidio Meneghetti Verona 14/11/1892 – Padova 4/3/1961)

PER LA PICCOLA EBREA

Quel giorno che l’è entrada nela cela
l’era morbida, bela
e parl’ amòr matura.
Ma nela facia, piena
de paura,
sbate du oci carghi de’n dolor
che’l se sprofonda in sècoli de pena.
I l’à butada
sora l’ tavolasso
i l’à lassada
Sola, qualche giorno,
fin tanto che ‘na sera
Missa e Oto
i s’à inciavado nela cela nera
e i gh’e restà par una note intiera.
Te dala cela vièn par ore e ore
straco un lamento de butìn che more.
Da quela note no l’à più parlà,
da quela note no l’à più magnà.
L’è la, cuciada in tera, muta, chiete,
nel scuro dela cela
che la speta
de morir.

Traduzione:
Quel giorno che entrò in cella
era morbida, bella
e per l’amore matura.
Ma nel viso, pieno
di paura,
sbatte due occhi carichi di un dolore
che si sprofonda in secoli di pena.
L’hanno gettata
sopra il tavolaccio,
l’hanno lasciata sola,
qualche giorno,
finché una sera
Misha e Otto
si sono chiusi a chiave nella cella nera
e ci sono rimasti una notte intera.
E dalla cella viene per ore e ore
un lamento stanco di bimbo morente.
Da quella notte non ha più parlato,
da quella notte non ha più mangiato.
È là, accucciata in terra, muta, quieta,
nel buio della cella
che aspetta
di morire.

EPITAFFIO PER UNA GIOVANE EBREA

Ela no l’è che du gran oci in sogno
e quatro pori osseti
sconti da pele fiapa.
Ebreeta, cos’èlo che te speti
e ci vedeli mai quei oci grandi?
forsi to mama? Forsi ti moroso?
opura i buteleti
che mai te g’avarè?
Ebreeta, te vo’ morir de fame
e nela fame t’è desmentegado
quela note e sto mondo strangossado
da tormenti e bisogni.
Te si scapà nel mondo dei to sogni:
la fame ghe volea,
piccola ebrea,
per darte un poca de felicità.
Ormai fora da l’onda
dei dolori,
lontàn te miri,
piàn piànin te mori
e caressa legera
de soriso
te consola la boca moribonda.
Po’ te chini la facia
verso tera
sempre più,
sempre
più.
Stanote s’è smorsada l’ebreeta
come ‘na candeleta
de seriola
consumà.
Stanote Missa e Oto
ià butà
nela cassa
du grandi oci in sogno
e quatro pori osseti
sconti da pele fiapa.
E adesso nela cassa
ciodi i pianta
a colpi de martèl
e de bastiema
(drento ale cele tuti i cori trema
e i ciodi va a piantarse nel servèl).

Traduzione:
Non è che due grandi occhi sognanti
e quattro poveri ossicini
nascosti da pelle floscia.
Piccola ebrea, cos’è che aspetti?
cosa vedono mai quegli occhi grandi?
forse la mamma? forse il moroso?
oppure i bimbi
che non avrai?
Piccola ebrea, vuoi morir di fame
e nella fame hai scordato
quella notte e questo mondo angosciato
da tormenti e bisogni.
Sei fuggita nel mondo dei tuoi sogni:
ci voleva la fame,
piccola ebrea,
per darti un poco di felicità.
Ormai fuori dall’onda
dei dolori,
guardi da lontano,
muori impercettibilmente
e una carezza leggera
di sorriso
ti consola la bocca moribonda.
Poi chini il viso
verso terra,
sempre più,
sempre
più.
Stanotte s’è spenta la piccola ebrea,
come una candelina
di cera
consumata.
Stanotte Misha e Otto
hanno gettato
nella cassa
due grandi occhi sognanti
e quattro poveri ossicini
nascosti da pelle floscia.
E adesso nella cassa
piantano chiodi
a colpi di martello
e di bestemmia
(dentro le celle ogni cuore trema
e i chiodi si piantano nel cervello).

Egidio Meneghetti, matr. 10568