‘O mare

‘O mare
(
Eduardo De Filippo Napoli 24/5/1900 – Roma 31/10/1984)

” ‘O mare fa paura”
Accussì dice ‘a ggente
guardanno ‘o mare calmo,
calmo cumme na tavula.
E dice ‘o stesso pure
dint’ ‘e gghiurnate ‘e vierno
quanno ‘o mare
s’aiza,
e l’onne saglieno
primm’ a palazz’ ‘e casa
e pò a muntagne.
Vergine santa…
scanza ‘e figlie ‘e mamma!

Certo,
pè chi se trova
cu nu mare ntempesta
e perde ‘a vita,
fa pena.
E ssongo ‘o primmo
a penzà ncapo a me:
“Che brutta morte ha fatto
stu pover’ommo,
e che mumento triste c’ha passato”.
Ma nun è muorto acciso.
È muorto a mmare.
‘O mare nuna cide.
‘O mare è mmare,
e nun ‘o sape ca te fa paura.

Io quanno ‘o sento…
specialmente ‘e notte
quanno vatte ‘a scugliera
e caccia ‘e mmane…
migliara ‘e mane
e braccia
e ggamme
e spalle…

arraggiuso cumm’è
nun se ne mporta
ca c’ ‘e straccia ‘a scugliera
e vveco ca s’ ‘e ttira
e se schiaffea
e caparbio,
mperruso,
cucciuto,

‘e caccia n’ata vota
e s’aiuta c’ ‘a capa
‘e spalle
‘e bracce
ch’ ‘e piede
e cu ‘e ddenocchie
e ride
e chiagne
e pecché vulesse ‘o spazio pè sfucà…
Io quanno ‘o sento,
specialmente ‘e notte,
cumme stevo dicenno,
nun è ca dico:
“‘O mare fa paura”,
ma dico:
“‘O mare sta facenno ‘o mare”.

1968

Traduzione

Il mare

“Il mare fa paura”
Così dice la gente
guardando il mare calmo,
calmo come una tavola.
E dice lo stesso pure
nelle giornate invernali
quando il mare
si solleva
e le onde salgono
prima fino ai tetti delle case
e poi fino alle montagne
Vergine santa,
libera i nostri figli!
Certo,
se qualcuno chi si trova
in mezzo a un mare in tempesta
e perde la vita,
fa pena.
E sono il primo
a pensare fra me e me:
Che brutta morte ha fatto
questo pover uomo,
e che momento triste ha passato”.
Ma non è stato ucciso.
È morto a mare.
Il mare non uccide,
il mare è mare
e non sa che ti fa paura.
Io, quando lo sento,
specialmente di notte
quando batte la scogliera
e caccia le mani,
migliaia di mani
e braccia
e gambe
e spalle…
rabbioso com’è
non se ne importa
se straccia la scogliera
e vedo che le ritira
e si schiaffeggia
e caparbio
puntiglioso,
cocciuto,
le ricaccia un’altra volta
e si aiuta con la testa
le spalle
le braccia
con i piedi
e con le ginocchia
e ride
e piange
perché vorrebbe spazio per sfogarsi…
Io, quando lo sento,
specialmente di notte,
come stavo dicendo,
non dico:
“Il mare fa paura”,
ma dico:
“Il mare sta facendo il mare”.

Dello stesso autore:
‘a fenesta
È notte
‘O culore d’e pparole