‘O mare

‘O mare
(
Eduardo De Filippo Napoli 24/5/1900 – Roma 31/10/1984)

” ‘O mare fa paura”
Accussì dice ‘a ggente
guardanno ‘o mare calmo,
calmo cumme na tavula.
E dice ‘o stesso pure
dint’ ‘e gghiurnate ‘e vierno
quanno ‘o mare
s’aiza,
e l’onne saglieno
primm’ a palazz’ ‘e casa
e pò a muntagne.
Vergine santa…
scanza ‘e figlie ‘e mamma!

Certo,
pè chi se trova
cu nu mare ntempesta
e perde ‘a vita,
fa pena.
E ssongo ‘o primmo
a penzà ncapo a me:
“Che brutta morte ha fatto
stu pover’ommo,
e che mumento triste c’ha passato”.
Ma nun è muorto acciso.
È muorto a mmare.
‘O mare nuna cide.
‘O mare è mmare,
e nun ‘o sape ca te fa paura.

Io quanno ‘o sento…
specialmente ‘e notte
quanno vatte ‘a scugliera
e caccia ‘e mmane…
migliara ‘e mane
e braccia
e ggamme
e spalle…

arraggiuso cumm’è
nun se ne mporta
ca c’ ‘e straccia ‘a scugliera
e vveco ca s’ ‘e ttira
e se schiaffea
e caparbio,
mperruso,
cucciuto,

‘e caccia n’ata vota
e s’aiuta c’ ‘a capa
‘e spalle
‘e bracce
ch’ ‘e piede
e cu ‘e ddenocchie
e ride
e chiagne
e pecché vulesse ‘o spazio pè sfucà…
Io quanno ‘o sento,
specialmente ‘e notte,
cumme stevo dicenno,
nun è ca dico:
“‘O mare fa paura”,
ma dico:
“‘O mare sta facenno ‘o mare”.

1968

Traduzione

Il mare

“Il mare fa paura”
Così dice la gente
guardando il mare calmo,
calmo come una tavola.
E dice lo stesso pure
nelle giornate invernali
quando il mare
si solleva
e le onde salgono
prima fino ai tetti delle case
e poi fino alle montagne
Vergine santa,
libera i nostri figli!
Certo,
se qualcuno chi si trova
in mezzo a un mare in tempesta
e perde la vita,
fa pena.
E sono il primo
a pensare fra me e me:
Che brutta morte ha fatto
questo pover uomo,
e che momento triste ha passato”.
Ma non è stato ucciso.
È morto a mare.
Il mare non uccide,
il mare è mare
e non sa che ti fa paura.
Io, quando lo sento,
specialmente di notte
quando batte la scogliera
e caccia le mani,
migliaia di mani
e braccia
e gambe
e spalle…
rabbioso com’è
non se ne importa
se straccia la scogliera
e vedo che le ritira
e si schiaffeggia
e caparbio
puntiglioso,
cocciuto,
le ricaccia un’altra volta
e si aiuta con la testa
le spalle
le braccia
con i piedi
e con le ginocchia
e ride
e piange
perché vorrebbe spazio per sfogarsi…
Io, quando lo sento,
specialmente di notte,
come stavo dicendo,
non dico:
“Il mare fa paura”,
ma dico:
“Il mare sta facendo il mare”.

Dello stesso autore:
‘a fenesta
È notte
‘O culore d’e pparole

E’ notte

E’ notte

(Eduardo De Filippo 1900-1984)

Tutt’è silenzio dint’a sta nuttata
nun se sente nu passo ‘e cammenà.
Nu ventariello tutta na serata
pare ca me vuleva accarezzà.
E finalmente chiagno! Tu non vide,
tu staje luntano, comme ‘o può ‘vedè?
Però t’ ‘o ddico pecchè tu me cride
e si me cride, chiagne nzieme a me!
Scenne stu chianto lento, doce doce,
nun aizo na mano p’ ‘asciuttà.
Io strillo pe’ te fa’sentì sta voce,
ma tu non puo’ sentì… c’allùcco a ffa’?
Tutt’è silenzio… ncielo quanta stelle!
affaccete, tu pure ‘e ppuo’ vedè:
songo a migliare, e saie pecchè so’ belle?
Pecchè stanno luntano, comm’ ‘a tte!


Traduzione

 

Tutto è silenzio in questa nottata
non si sente un passo camminare.
Un venticello per tutta la serata
pare che mi volesse accarezzare…
E finalmente piango! Tu non vedi,
tu sei lontana, come puoi vedere?.
Però te lo dico perché tu mi creda
e se mi credi, piangi assieme a me!
Scende lento questo pianto, dolce dolce,
e non alzo una mano per asciugarlo.
Grido per farti sentire questa voce,
ma tu non puoi sentire… che grido a fare?
Tutto è silenzio… in cielo quante stelle!
Affacciati, anche tu le puoi vedere:
sono migliaia, e sai perché son belle?
Perché sono lontane, come te!

‘O culore d’e pparole

‘O culore d’e pparole (Il colore delle parole)

(Eduardo De Filippo 1900-1984)

 

 

Quant’è bello ‘o culore d’e pparole
e che festa addiventa nu foglietto,

nu piezzo ‘e carta –

nu’ importa si è stracciato

e po’ azzeccato –
e si è tutto ngialluto

p’ ‘a vecchiaia,
che fa?
che te ne mporta?

Addeventa na festa

si ‘e pparole

ca porta scritte
so’ state scigliute

a ssicond’ ‘o culore d’ ‘e pparole.
Tu liegge

e vide ‘o blù
vide ‘o cceleste
vide ‘o russagno

‘o vverde

‘o ppavunazzo,

te vene sotto all’uocchie ll’amaranto

si chillo c’ha scigliuto
canusceva

‘a faccia

‘a voce

e ll’uocchie ‘e nu tramonto.

Chillo ca sceglie,

si nun sceglie buono,

se mmescano ‘e culore d’ ‘e pparole.
E che succede?

Na mmescanfresca

‘e migliar’ ‘e parole,
tutte eguale

e d’ ‘o stesso culore:
grigio scuro.

Nun siente ‘o mare,

e ‘o mare parla,

dice.
Nun parla ‘o cielo,

e ‘o cielo è pparlatore.
‘A funtana nun mena.
‘O viento more.

Si sbatte nu balcone,

nun ‘o siente.
‘O friddo se cunfonne c’ ‘o calore

e ‘a gente parla cumme fosse muta.
E chisto è ‘o punto:

manco nu pittore

po’ scegliere ‘o culore d’ ‘e pparole.

 

 

Traduzione

 

Quant’è bello il colore delle parole,
e che festa diventa un foglietto,
un pezzo di carta –

non importa se è stracciato

e poi riattaccato –
e se è tutto ingiallito

per la vecchiaia,
che fa?
che te ne importa?

Diventa una festa,

se le parole

che porta scritte
sono state scelte

secondo il colore delle parole.
Tu leggi

e vedi il blu
vedi il celeste
vedi il rossiccio

il verde

il paonazzo,
ti viene sotto gli occhi l’amaranto

se chi ha scelto
conosceva

la faccia

la voce

e gli occhi di un tramonto.

Se chi sceglie,

non sceglie bene,

si mischiano i colori delle parole.
E che succede?
Una confusione

di migliaia di parole,
tutte uguali

e dello stesso colore:
grigio scuro.

Non senti il mare,

eppure il mare parla,

dice.
Non parla il cielo,

eppure il cielo è parlatore.
La fontana inaridisce.
Il vento muore.
Se sbatte un balcone,

non lo senti.
Il freddo si confonde con il calore

e la gente parla come fosse muta.
E questo è il problema:

nemmeno un pittore

può scegliere il colore delle parole.