Roseto Capo Spulico

Roseto Capo Spulico
(Dante Maffia n. a Roseto Capo Spulico, CS il 17/1/1946)

Pietre e muschio:
i muri agonizzanti
protesi verso il mare.

Meno male che le rose
hanno abbracci d’acqua
e costringono la luna a ridere
di porta in porta.

(Da: Di rosa e di rose)

Dello stesso autore:
Anche quando lo dici per scherzare
Che cosa non darei
Chissà perché ti amo
Dall’altra riva
I marinai sognano
Il disastro degli addii
Prima che il vento

Prima che il vento

Prima che il vento
(Dante Maffia n. a Roseto Capo Spulico, CS il 17/1/1946)

Prima che si svegliasse il vento
e le nuvole
imparassero a camminare.
Prima della forma e della voce
tu c’eri.

È per te che ho scritto ogni poesia
per te che sono sceso a patti
con la morte e con la vita,
per te ho imparato l’allegria.

Dello stesso autore: Anche quando lo dici per scherzareChe cosa non dareiChissà perché ti amoDall’altra rivaI marinai sognanoIl disastro degli addii

Dall’altra riva

Dall’altra riva
(Dante Maffia n. a Roseto Capo Spulico, CS il 17/1/1946)

Non volevo morire soffocata
dai calcinacci, gli occhi
sfondati dalle pietre all’improvviso
diventate nemiche. Avanzavo ancora
infinte carezze da lui, e con il sole
c’era un patto segreto
come tra api e fiori.
Non riesco a sentire la voce di mia madre,
anche se sento le sue mani accanto.
Un vento viscido mi attraversa il corpo,
San Pietro litiga con qualcuno,
meno male.

Dello stesso autore: Anche quando lo dici per scherzareChe cosa non dareiChissà perché ti amoI marinai sognanoIl disastro degli addii

Che cosa non darei

Che cosa non darei
(Dante Maffia n. a Roseto Capo Spulico, CS il 17/1/1946)

Se ti guardo,
sento che vita e morte
fanno baldoria nei tuoi occhi.

Ho tentato di dirti
che il cuore ha grida infinite.
Ma tu resti lontana.

Come faccio a tradurre
il tumulto che mi sbrana?
Ho fame di te,
ma tu appena mi sfiori.

Anche quando lo dici per scherzare

Anche quando lo dici per scherzare
(Dante Maffia n. a Roseto Capo Spulico, CS il 17/1/1946)

Mi domando per quale via sei entrata
nel desiderio e nella mia libidine.
Mi domando perché non respiro
senza di te. E non ho forze
se mi dici che tutto è finito.
Anche quando lo dici per scherzare
tremo e il mondo si svuota
di stelle e di parole.

(da: Canzoni d’amore, di passione e di gelosia, 2002)