Io sono due

Io sono due (Dacia Maraini n. a Fiesole, FI 13/11/1936) Io sono due è chiaro ora sono due più uno meno uno e fanno due che due volte sono nata e due volte morta due volte mi sono persa forse una volta di più perché due e una sono tre le volte che ho sbattuto […]

Questo ragazzo

Questo ragazzo (Dacia Maraini n. a Fiesole, FI 13/11/1936) Questo ragazzo veste da vecchio questo ragazzo gioca al pallone con brusca leggerezza e tira in porta questo ragazzo ha la faccia aguzza e infelice questo ragazzo mangia solo prosciutto e fichi questo ragazzo ha male al ventre e vomita nei cinema per disperazione questo ragazzo […]

Se amando troppo

Se amando troppo (Dacia Maraini n. a Fiesole, FI 13/11/1936) Se amando troppo si finisce per non amare affatto io dico che l’amore è un’amara finzione quegli occhi a vela che vanno e vanno su onde di latte cosa si nasconde mio dio dietro quelle palpebre azzurre un pensiero di fuga un progetto di sfida […]

Donne mie

Donne mie (Dacia Maraini n. a Fiesole, FI 13/11/1936) Mie donne assoggettate che io amo per somiglianza e rancore perché vi fate mettere nel sacco mille volte al giorno come sciocche sbadate buffe sordomute silenziose carnefici di voi stesse, senza sapere niente di voi. Donne mie, senza sapere che siete malnate, malvissute, male amate in […]

Non

Non (Dacia Maraini n. a Fiesole il 13/11/1936) Credevi di essere te e non badavi che il tuo essere te era già fatto un tondo destino sprigionatosi dai riti e dalle giostre dei tuoi avi credevi di inventare la tua storia ma le ampie piazze e i vicoli affollati del tuo chiuso carattere di uomo […]

Le poesie delle donne

Le poesie delle donne (Dacia Maraini n. Fiesole 13/11/1936) “Le poesie delle donne sono spesso piatte, ingenue, realistiche e ossessive”, mi dice un critico gentile dagli occhi a palla. “ Mancano di leggerezza, di fumo, di vanità, sono tutte d’un pezzo come dei tubi, non c’è garbo, scioltezza, estro; sono prive dell’intelligenza maliziosa dell’artificio, insomma […]

Vai alla barra degli strumenti