Eppure er mare…

Eppure er mare…
(Cesare Pascarella Roma 28/4/1858 – Roma 8/5/1940)

XV

Eppure er mare… er mare, quann'è bello,
Che vedi quel'azzurro der turchino,
Che te ce sdraji longo lì vicino,
Te s'apre er core come 'no sportello.

Che dilizia! Sentì quer ventarello
Salato, quer freschetto fino fino
Dell'onne, che le move er ponentino,
Che pare stieno a fà nisconnarello!

Eppure… sotto a tutto quer celeste,
Ma, dico, dimme un po', chi lo direbbe
Che ce cóveno sotto le tempeste?

Cusì uno, finché non ce s'avvezza,
Che te credi che lui ce penserebbe
Si fino a dove arriva la grannezza?

XVI

Ché lì mica te giova esse sapiente;
Nun giova avecce testa o ritintiva,
Cor mare, si nun ci hai immaginativa,
Te l'immagini sempre diferente.

Ché lì tu hai da rifrette co' la mente,
Che quello che tu vedi da la riva,
Lontano, insin che l'occhio te ci arriva,
Pare chissà che cosa, e invece è gnente.

Ché lì pòi camminà quanto te pare:
Più cammini e più trovi l'infinito,
Più giri e più ricaschi in arto mare.

Séguiti a camminà mijara d'ora…
Dove c'è er cèlo te pare finito,
Invece arrivi lì… comincia allora!

(da: La scoperta de l'America, 1937)