Er terno

Er terno
(Cesare Pascarella Roma 28/4/1858 – Roma 8/5/1940)

Ecco er fatto. Lo prese drent’al letto,
dove stava in campagna in un casino;
je sigillò la bocca còr cuscino,
e j’ammollò ‘na cortellata in petto.

Dunque, ferita all’undici; ce metto
uno, er giorno; quarantatré, assassino:
vado giù da Venanzio er botteghino
ar Popolo e ce butto un pavoletto.

A l’estrazione, sabeto passato,
ce viè’ l’ambo; ma invece de ferita
m’esce settantadue mortoammazzato.

Ma guarda tante vorte er Padreterno
come dà la fortuna ne la vita!
Si l’ammazzava ce pijavo er terno.

Terra.. Terra!…

Terra.. Terra!…
(Cesare Pascarella Roma 28/4/1858 – Roma 8/5/1940)

XXI

E io ne la mi’ piccola ignoranza
Me c’investo. Fa’ tutto quer cammino…
Arivà’ in arto mare… Arivà’ insino…
Insino… a quela straccio de distanza,

E védete la morte in lontananza!
Volé’ vive’, e sentitte lì vicino,
Ne l’orecchie, la voce der distino
Che te dice: lassate ‘gni speranza!

Ma pensa, quer che deve avé’ sofferto
Quell’omo immassimato in quer pensiero,
De di’: la terra c’è!… Sì!… Ne so’ certo!…

E lì, sur punto d’èssece arivato,
Esse’ certo, percristo!, ch’era vero,
E dové’ di’: va be’, me so’ sbajato!

XXII

Ma lui che, quanto sia, già, c’era avvezzo
A parlà’ pe’ convince’ le persone,
Je fece, dice: – Annamo, co’ le bone,
Venite quì… spaccamo er male in mezzo…

È vero, sì, se tribola da un pezzo…
Percui per arisorve’ ‘sta quistione
Nun c’è antro che fa’ ‘sta convenzione
Che a me me pare sia l’unico mezzo:

Che noi p’antri du’ giorni annamo avanti,
E si proprio, percristo!, nun c’è gnente
Se ritrocede indietro tutti quanti.

Ve capacita? – Quelli ce pensorno…
Be’, dice, so’ du’ giorni solamente…
Be’ je fecero: annamo!… E seguitorno.

XXIII

Ma lui, capischi, lui la pensò fina!
Lui s’era fatto già l’esperimenti,
E dar modo ch’agiveno li venti,
Lui capì che la terra era vicina;

Percui, lui fece: intanto se cammina,
Be’ dunque, dice, fàmeli contenti
Chè tanto quì se tratta de momenti.
Defatti, come venne la matina,

Terra.. Terra!… Percristo!… E tutti quanti
Rideveno, piagneveno, zompaveno…
Terra.. Terra!.. Percristo!.. Avanti.. Avanti!

E lì, a li gran pericoli passati
Chi ce pensava più?… S’abbraccicaveno
Se baciaveno….. C’ereno arrivati!

(da: La scoperta de l’America, 1937)

Eppure er mare…

Eppure er mare…
(Cesare Pascarella Roma 28/4/1858 – Roma 8/5/1940)

XV

Eppure er mare… er mare, quann'è bello,
Che vedi quel'azzurro der turchino,
Che te ce sdraji longo lì vicino,
Te s'apre er core come 'no sportello.

Che dilizia! Sentì quer ventarello
Salato, quer freschetto fino fino
Dell'onne, che le move er ponentino,
Che pare stieno a fà nisconnarello!

Eppure… sotto a tutto quer celeste,
Ma, dico, dimme un po', chi lo direbbe
Che ce cóveno sotto le tempeste?

Cusì uno, finché non ce s'avvezza,
Che te credi che lui ce penserebbe
Si fino a dove arriva la grannezza?

XVI

Ché lì mica te giova esse sapiente;
Nun giova avecce testa o ritintiva,
Cor mare, si nun ci hai immaginativa,
Te l'immagini sempre diferente.

Ché lì tu hai da rifrette co' la mente,
Che quello che tu vedi da la riva,
Lontano, insin che l'occhio te ci arriva,
Pare chissà che cosa, e invece è gnente.

Ché lì pòi camminà quanto te pare:
Più cammini e più trovi l'infinito,
Più giri e più ricaschi in arto mare.

Séguiti a camminà mijara d'ora…
Dove c'è er cèlo te pare finito,
Invece arrivi lì… comincia allora!

(da: La scoperta de l'America, 1937)