Er terno

Er terno (Cesare Pascarella Roma 28/4/1858 – Roma 8/5/1940) Ecco er fatto. Lo prese drent’al letto, dove stava in campagna in un casino; je sigillò la bocca còr cuscino, e j’ammollò ‘na cortellata in petto. Dunque, ferita all’undici; ce metto uno, er giorno; quarantatré, assassino: vado giù da Venanzio er botteghino ar Popolo e ce butto […]

Terra.. Terra!…

Terra.. Terra!… (Cesare Pascarella Roma 28/4/1858 – Roma 8/5/1940) XXI E io ne la mi’ piccola ignoranza Me c’investo. Fa’ tutto quer cammino… Arivà’ in arto mare… Arivà’ insino… Insino… a quela straccio de distanza, E védete la morte in lontananza! Volé’ vive’, e sentitte lì vicino, Ne l’orecchie, la voce der distino Che te […]

Eppure er mare…

Eppure er mare… (Cesare Pascarella Roma 28/4/1858 – Roma 8/5/1940) XV Eppure er mare… er mare, quann'è bello, Che vedi quel'azzurro der turchino, Che te ce sdraji longo lì vicino, Te s'apre er core come 'no sportello. Che dilizia! Sentì quer ventarello Salato, quer freschetto fino fino Dell'onne, che le move er ponentino, Che pare […]

Vai alla barra degli strumenti