Congedo

Congedo (Billy Collins n. a New York, USA il 22/3/1941) Esci, libretto, da questa casa e vai per il mondo, carrozza di carta che procedi per la città trasportando un solo passeggero fuori dalla portata di questa penna tremolante, lontano dalla scrivania e dalla sua lampada inquisitoria. È tempo di levare le tende, mettersi addosso […]

Lo scoubidou

Lo scoubidou (Billy Collins n. a New York, USA il 22/3/1941) L’altro giorno mentre rimbalzavo lentamente tra le pareti azzurre di questa stanza, saltando dalla macchina da scrivere al piano, dalla libreria a una busta caduta sul pavimento, mi sono trovato nella sezione S del dizionario dove i miei occhi sono caduti sulla parola Scoubidou. […]

Il futuro

Il futuro (Billy Collins n. a New York, USA il 22/3/1941) Quando alla fine ci arriverò – e ci vorranno molti giorni e molte notti – mi piace pensare che ci saranno altri in attesa e che vorranno perfino sapere com’era. E così mi abbandonerò al ricordo di un cielo particolare o di una donna […]

I morti ci guardano sempre dall’’alto

I morti ci guardano sempre dall’alto (Billy Collins n. a New York, USA il 22/3/1941) I morti ci guardano sempre dall’alto, si dice, mentre ci mettiamo le scarpe o ci facciamo un panino, ci guardano dal fondo di vetro delle barche del cielo mentre remano lenti attraverso l’eternità. Osservano le nostre nuche muoversi in basso, […]

Liu Yung

Liu Yung (Billy Collins n. a New York, USA il 22/3/1941) Questo poeta della dinastia Sung è così infelice. Il vento sospira tra gli alberi, un cigno solitario passa là in alto, e lui è solo nella sua barchetta, sull’acqua. Se soltanto apprezzasse quanto me la vita nella Cina dell’undicesimo secolo: niente cartoni animati a […]

Vai alla barra degli strumenti