Senza chiave

Senza chiave (Angela Figuera Aymerich Bilbao, Spagna 30/10/1902 – Madrid, Spagna 2/4/1984) Mi possiedi e sono tua. Così vicini l’una all’altro come la carne sulle ossa. Così vicini l’una all’altro e, spesso, così lontani!… Tu mi dici talvolta che mi trovi chiusa, come di pietra dura, come avvolta in segreti, impassibile, distante… E vorresti fosse […]

Siamo di troppo

 Le poesie delle donne Siamo di troppo (Angela Figuera Aymerich Bilbao, Spagna 30/10/1902 – Madrid, Spagna 2/4/1984) È così pieno il mondo. Terribilmente pieno. Di montagne, di piante, di caserme e officine. Di case con vicini e di bianchi ospedali. (Ogni tanto vi è un fiore. Non reciderlo, amico. Qualche volta dei fiumi come vene […]

Questa pace

Questa pace (Angela Figuera Aymerich Bilbao, Spagna 30/10/1902 – Madrid, Spagna 2/4/1984) Quella Pace di ulivo e di colomba raggiunta in verde acerbo e bianco puro sul carminio violento del sangue non è la pace di oggi mascherata tra le carte e l’inchiostro bugiardo. Questa è pace di petto crivellato da vecchie baionette arrugginite che […]

Il grido inutile

Il grido inutile (Angela Figuera Aymerich Bilbao, Spagna 30/10/1902 – Madrid, Spagna 2/4/1984) Quanto vale una donna? A che serve una donna che vive in solo grido? Che può fare una donna nella piena che molti superuomini sommerge e che va sbriciolando tante fronti alzate come dighe orgogliose quando lente fluivano le acque? E io, […]

Vai alla barra degli strumenti