Le violette di febbraio

Le violette di febbraio (Alfonso Gatto Salerno 17/7/1909 – Capalbio, GR 8/3/1976) D’un biancore di luce fatta neve – la neve di febbraio – le violette svegliano al verde la finestra lieve che disegna sul poggio le casette ad una ad una azzurre bianche rosa, tintinnanti vetrine se alla soglia batte i piedi un ragazzo, […]

Natale al Caffè Florian

Natale al Caffè Florian (Alfonso Gatto Salerno 17/7/1909 – Capalbio, GR 8/3/1976) La nebbia rosa e l’aria dei freddi vapori arrugginiti con la sera, il fischio del battello che sparve nel largo delle campane. Un triste davanzale, Venezia che abbruna le rose sul grande canale. Cadute le stelle, cadute le rose nel vento che porta […]

Settembre a Venezia

Settembre a Venezia (Alfonso Gatto Salerno 17/7/1909 – Capalbio, GR 8/3/1976) Hanno il colore delle navi morte in un’alba lontana quei colombi rimasti soli sulla grande piazza. E l’agro odore della mareggiata, di là dove verdeggia al cielo e ai vetri del temporale un’isola di luce, qui resta come un barbaglìo di tende e di […]

Sogno d’estate

Sogno d’estate (Alfonso Gatto Salerno 17/7/1909 – Capalbio, GR 8/3/1976) Trapeli un po’ di verde il limone, il sifone, il piccolo portone della pensione, trapeli il blu, anche tu vestita col tuo nudo rosa, ogni cosa amorosa. Amore è amore liscio alla sua foce. Un’alpe zuccherina, l’amore è brina. Che sogno averti vicina notturna, fresca, […]

Ai compagni d’Italia

  25/4/1945 – 74º Anniversario della liberazione d’Italia Ai compagni d’Italia (Alfonso Gatto Salerno 17/7/1909 – Capalbio, GR 8/3/1976) Milano vi manda il suo cuore, il vento delle pianure le sue nevi bianche di tanti morti, di tante case, il lungo inverno in cui attese l’ora e l’urlo della riscossa. Vi manda la sua bandiera rossa, il […]

Sera

Sera (Alfonso Gatto Salerno 17/7/1909 – Capalbio, GR 8/3/1976) L’operaio vestito d’azzurro spuntò nella piazza di Pisa, l’Arno era magro di polvere le case di rosa patita più in là dell’oro, del tempo che scende al mare. Il passo illeso dell’uomo varcò la sera, il muro ove l’ombra gli chiuse la porta d’oriente. E nella […]

Dentro l’amore

Al segno che ti dà la stanza sciogli sulla parete l’ombra dei capelli, le braccia alzate, la flessuosa voglia d’avermi, e già dal ridere mi volti nella raffica buia, mi cancelli per affiorare dal lamento vano. Smarrita, nel cercarmi con la mano, nel distinguermi il volto, grata, piena d’aperto e poi ripresa dalla lena della […]

Plenilunio

Plenilunio (Alfonso Gatto Salerno 17/7/1909 – Capalbio, GR 8/3/1976) Calore d’esangue notte, all’onda remota dell’aria ai suoi vaghi pensieri l’anima ascolta, passano i lumi alle terrazze, il cielo… Il cielo sorge da lontano, riverbera solitario amore di mari morti e sereni. Remoto nel sogno lunare si spalanca un mattino di vette e case limpide argentee […]

La sorgente

Luna dell’alpe, gioventù del cielo, al rameggio silente d’ogni stilla un virgulto di nuvola dal gelo della tua notte scioglie la tranquilla profondità dell’aria. Nella chiara sorgente della voce non ha vólto, veste non ha quel lievito di rara esilità tremante. E la montagna che risalta al diedro del suo bilico fermo incrina appena la […]

Dentro l’amore

Dentro l’amore (Alfonso Gatto Salerno 17/7/1909 – Capalbio, GR 8/3/1976) Al segno che ti dà la stanza sciogli sulla parete l’ombra dei capelli, le braccia alzate, la flessuosa voglia d’avermi, e già dal ridere mi volti nella raffica buia, mi cancelli per affiorare dal lamento vano. Smarrita, nel cercarmi con la mano, nel distinguermi il […]

Vai alla barra degli strumenti