Mi hai chiesto il pane

Mi hai chiesto il pane…
(Alexandra Zambà n. ad Alessandria d’Egitto nel 1947)

mi hai chiesto il pane
mi hai chiesto il pane morbido burro e latte
mi hai chiesto il pane nero di segale, bianco di manioca
di ceci polvere, farina di orzo mescolata terra d’Eufrate
mi hai chiesto il pane del buio degli armadi il pane clandestino
pane rubato nel grembiule succhio di gengive quello sognato
mi hai chiesto il pane dell’amore angelicato, bagnato nel vino
morso con rabbia respinto e poi riafferrato, cullato con nenie
capelli sciolti cenere, mani incrociate occhi gonfie di rossore,
piedi nudi sul selciato
mi hai chiesto i cortili dell’ombra, del ramo alto sul muro abbarbicato
mi hai chiesto il salto il battito il ritmo dell’anima il sogno della luna
mi hai chiesto