Mi sembrava inverosimile…

Mi sembrava inverosimile… (Alba de Céspedes Roma 11/3/1911 – Parigi, Francia 14/11/1997) Mi sembrava inverosimile che gli stessi uomini, i quali non avevano mai, durante tutto il giorno, una parola d’amore per le proprie compagne, d’improvviso, la notte, pretendessero di trovarle pronte a quegli amplessi tremendi. Era una offesa, un affronto addirittura, come sputare in […]

Sento tutto in me confusamente…

Sento tutto in me confusamente… (Alba de Céspedes Roma 11/3/1911 – Parigi, Francia 14/11/1997) Sento tutto in me confusamente e non posso parlarne a mia madre né a mia figlia perché nessuna delle due comprenderebbe. Appartengono a due mondi diversi: l’uno è finito con quel tempo, l’altro è nato da esso. E in me questi […]

Lettera a una madre

Lettera a una madre (Alba de Céspedes Roma 11/3/1911 – Parigi, Francia 14/11/1997) Mamma, comprendimi fin d'ora: dovrai pur comprendermi, un giorno, anche gli altri dovranno. M'avresti capita se fossi fuggita con un amante: sei una sentimentale, e all'età mia queste fughe finiscono in marcia nuziale. Avresti compreso se me ne fossi andata per diventare […]

Vai alla barra degli strumenti