Nel fiordaliso degli iridi

Nel fiordaliso degli iridi (Adriana Scarpa Venezia 26/3/1941 – Treviso 19/10/2005) Conserva ancora gli occhi di ragazza mia madre. Chissà nel fiordaliso degli iridi quanti hanno tuffato lo sguardo e hanno sognato e si sono perduti. Veste colori solari, mia madre, mai i cupi toni del grigio, mai il funereo nero; porta calze velate con […]

E dopo ritrovo il mio spazio

E dopo ritrovo il mio spazio (Adriana Scarpa Venezia 26/3/1941 – Treviso 19/10/2005) Osservo la mia ombra, il disegno umido e segreto sulla soglia. Me la sfilo di dosso così lei sola rimane qui a riempire le panche e infilare dita senza spessore nei manici delle ciotole. Io vado fuori tra nuvole soleggiate e di […]

Anche il sangue ora tace

Anche il sangue ora tace (Adriana Scarpa Venezia 26/3/1941 – Treviso 19/10/2005) Ecco, stasera i cani non latrano più/ contro l’arco del cielo cozzano i loro silenzi. Fiutano l’aria greve/ con l’umida lingua leccano l’incertezza delle ombre. Sale una luna di malinconie sul ranuncolo bianco del respiro e torneranno pure le stoppie bruciate Con cenere […]

Felicemente stanca

Felicemente stanca (Adriana Scarpa Venezia 26/3/1941 – Treviso 19/10/2005) È questa la mia finestra, l’angolo, il nido. Mi affaccio sopra i tetti: la città ha una tenerezza di bruma, di primavera appena nata. Qualcuno sale la scala a chiocciola della torre, si sporge da un balcone inusuale. Sui vetri luminosi delle case passano le ombre […]

Custode è un grillo

Custode è un grillo (Adriana Scarpa Venezia 26/3/1941 – Treviso 19/10/2005) Della mia casa custode è un grillo un saggio, antichissimo grillo che arriccia il naso agli sbalzi di stagione. Una ferita c’è nella mia casa una lama di luce dolcissima che travalica tutti gli spazi e c’è una tasca celata dentro il muro dove […]

Alchimie per una donna

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne Alchimie per una donna (Adriana Scarpa Venezia 26/3/1941 – Treviso 19/10/2005) Io volerò attraverso la bocca della candela, indenne falena (Sylvia Plath) Contratte a cogliere i suoni le abbiamo lasciate a fare e disfare su rozzi telai brandelli di vita. Senza volto né nome avevano cuori d’argento da […]

La prima è stata Lucy

 Le poesie delle donne La prima è stata Lucy (Adriana Scarpa Venezia 26/3/1941 – Treviso 19/10/2005) Lo scavare fosse profonde, il setacciare sabbie minute, ha messo un punto fermo             alla ricerca: fu Lucy la prima umana sulla terra. Se poi vogliamo credere che Adamo venne prima di Eva sarà atto di fede sottomissione al dire […]

Milioni di donne

Milioni di donne (Adriana Scarpa Venezia 1941 – Treviso 19/10/2005)   Milioni di donne dipanano la vita nel chiuso di pareti stinte. Il pianto del bambino di notte le unisce all'uomo di fianco e divide per la sacralità del suo sonno. Poi viene il tempo di fare la riga ai capelli e riannodare le trecce […]

Vai alla barra degli strumenti