Diario di Beirut sotto assedio

Diario di Beirut sotto assedio (Adonis n. a Al-Qassabin, Siria il 1/1/1930) La mia epoca mi dice francamente: Tu non hai appartenenza. Io rispondo francamente: Non ho appartenenza. Cerco di capirti. Ora sono un’ombra Perduta nella foresta Di un teschio Sto sui miei piedi, il muro è una barriera – La distanza si riduce, una […]

Camminano le stelle

Camminano le stelle (Adonis n. a Latakia, Siria il 1/1/1930) Cammino, e dietro camminano le stelle, verso il domani delle stelle, l’enigma, la morte, quel che fiorisce e la fatica sfinisce. I passi fanno sangue di me, esangue. Sono cammino non iniziato. Non vi è giacimento a vista, cammino verso me stesso, quel che verrà […]

Volto di donna

Volto di donna (Adonis n. a Latakia, Siria il 1/1/1930) Ho abitato il volto di una donna che abita in un’onda sospinta dall’alta marea verso la spiaggia, il cui approdo è smarrito tra le conchiglie. Ho abitato il volto di una donna che mi fa morire, che desidera rimanere nel mio sangue che naviga sino […]

Canto

Canto (Adonis n. a Latakia, Siria il 1/1/1930) T’invoco, o fine della notte, prolùngati e inèbriati sul mio letto sii maga, t’esorto a dire che cosa dice l’amore all’amante alla fine delle stagioni. (Da: "Libro delle metamorfosi e della migrazione nelle regioni del giorno e della notte", 2004) Dello stesso autore: Mi confrontai con la […]

Mi confrontai con la donna che avevo raffigurato…

Mi confrontai con la donna che avevo raffigurato… (Adonis n. a Latakia, Siria il 1/1/1930) Mi confrontai con la donna che avevo raffigurato, cominciai a cercarla ma non trovai una figura a lei somigliante. Non trovai alcun ponte tra il mio corpo e il sogno così rimasi a quel che immaginavo, frequentando una mia illusione. […]

Vai alla barra degli strumenti