Canto degli spiriti sull’acqua

  Giornata mondiale dell’acqua

Canto degli spiriti sull’acqua
(Johann Wolfgang von Goethe Francoforte sul Meno, Germania 28/8/1749 – Weimar, Germania 22/3/1832)

L’anima dell’uomo
È simile all’acqua
Viene dal cielo
Risale al cielo
A terra di nuovo
Ridiscende
In eterna vicenda

Scorre dall’alto
Lastrone ripido
Il raggio puro
Poi si polverizza soavemente
In nebulose onde
Contro lisce rupi
E accolto lievemente
Scorre velato
Con un fumo sottile nella sua corsa
Verso l’abisso

Le scogliere si ergono
Contro la caduta
Spumeggia di malumore
Gradualmente
Verso il precipizio

Nel letto piano
S’insinua nella valle
E nel mare piatto
Pascolano il suo viso
Tutti gli astri

Ma dolce amante
Dell’onda è il vento
E talvolta dal fondo
Suscita flutti spumeggianti

Anima dell’uomo
Come somigli all’acqua!
Destino dell’uomo
Come somigli al vento!

Dello stesso autore: Amore nuovo vita nuovaAnno NuovoCerto me ne sarei andato già lontanoCupido, monello testardo!Io penso a teE’ l’anima che amaFesta di maggioNon ho fatto che correre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti