Tango

Tango
(Mario Luzi Firenze 20/10/1914 – Firenze 28/2/2005)

Poi sulla pista ardente
lontanamente emerse
la donna spagnola,
era un’ombra intangibile in un soffio
di musiche viola il suo sorriso.
Percepiva l’accento
della notte col senso melodioso
del suo passo e quel ciclo
di libertà inibita era l’evento
triste della sua vita senza scampo.

(Da: Avvento notturno, 1938)

Dello stesso autore: 11 settembreAb inferisAmantiEpifaniaGiocano al ribassoIl geloLa giovane ebrea al suo amato musulmanoMénageMoroMuore ignominiosamente la repubblicaNell’imminenza dei quarant’anniNon perdertiPasqua, ora, nuovamenteQuando mi parli al telefonoQuesta felicitàSia dettoVersi d’ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti