Il gatto

Il gatto
(Charles Baudelaire Parigi, Francia 9/4/1821 – Parigi, Francia 31/8/1867)

I

Nel mio cranio passeggia e si dimena
(signore d’un palazzo senza porte)
un gatto fiero, flessuoso, forte;
quando miagola s’ode lieve appena,
tanto il suo timbro è tenero e discreto;
ma, sia che s’alzi o che s’avvalli l’onda
musicale, la nota è sempre fonda,
ricca di un incantevole segreto.

Questa voce m’avvolge con sue spire
tremule, filtra in ogni mia latebra;
come una strofa armoniosa ed ebra
m’esalta, come un magico elisire.

Ogni più cruda pena ella consola,
chiude in sé tutte l’estasi, e se deve
dirmi una frase, che sia lunga o breve,
dolce si esprime senza dir parola.

Archetto non esiste che più morda
sul mio cuore, sensibile lento,
e faccia regalmente con acuto
trillo vibrarne la più tesa corda,
della tua voce, o musico animale,
gatto misterioso, serafino,
in cui tutto, incantesimo divino,
è così lieve, dolce, angelicale.

II

Tale un profumo emana dal suo manto
soffice a strisce alterne, fulva-nera,
che m’ha stregato, avendolo una sera
carezzato una volta, una soltanto.
Egli è il folletto tutelare mio,
l’ispiratore; nel suo chiuso impero
è despota, sì ch’io lo credo invero
un essere fatato, un mago, un dio.

Quando il mio sguardo verso questo caro
gatto, più caro d’una dolce amante,
si rivolge attirato, nell’istante
che a scrutare in me stesso mi preparo,

nell’ombra, stupefatto, ecco discerne
l’iridi sue di fosforo verdastro,
viventi opali dai riflessi d’astro,
vigili e fisse come due lanterne.

(Da: I fiori del male)

Dello stesso autore: Armonia della seraCanto d’autunnoConversazioneCorrispondenzeElevazioneIl gattoIl rinnegamento di San PietroIl soleLa musicaL’orologioTristezze della lunaUn emisfero in una chiomaUna carogna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti