La morte degli uccelli

La morte degli uccelli
(François Coppée Parigi, Francia 26/1/1842 – Parigi, Francia 23/5/1908)

La sera, accanto al fuoco, certe volte io penso
all’uccello che muore solo nel bosco immenso.
Fuori l’inverno triste conduce i suoi giorni assonnati
e i poveri nidi deserti, i nidi ormai abbandonati,
ondeggiano al vento nel cielo ch’è un eterno grigiore.
Oh, questa morte di alati ha un volto di nuovo dolore!
Eppure un bel giorno, al tempo sognato de le violette,
non troveremo i delicati scheletri, fra l’erbette
d’aprile, dove ci piacerà spensierati garrire.
Ma che forse gli uccelli si nascondono per morire?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti