Bacio – paesaggio

Bacio – paesaggio
(Stanisław Grochowiak Leszno, Polonia 24/1/1934 – Varsavia, Polonia 2/9/1976)

Erravo nel bosco dei tuoi capelli – erbe
E il pianto scoprivo. E scendevo più in basso
Sulle bianche nevi della fronte invernale,
Dove il pianto era cessato, e c’era l’ombra dei candelieri.

Poi visitavo i ricordi del tuo volto,
Sempre più vicino – e sempre più vicino
La tua buona bocca di borgo addormentato;
In esso ciò che accade – solo una volta accade.

Ed entrai nel borgo. Ed era bel tempo
Sotto l’intero cielo del tuo palato.
Da qualche parte in un quieto angolo moriva il giovane
Pudore agreste nel profumo del timo.

D’un tratto tornai – e stavo nella loggia.
Guardando intorno il paesaggio che cambiava,
Il primo rametto di sambuco nato nei giardini,
E le ciglia che si rincorrevano nella rugiada del mattino.

(Trad. Paolo Statuti)

Dello stesso autore:
I puliti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti