Epigrafe per una generazione

Epigrafe per una generazione
(
Lino Curci Napoli 1/3/1912 – Roma 26/12/1975)

Tutto scivola sulla superficie dell’anno,
non quel primo passo esitante
su un altro mondo, che vedemmo d’estate.

Tutto scivola, è già passato, le guerre
e la pace impossibile, i governi
della violenza, il fermento e i dolori
d’una generazione. Sono stanco
di negare me stesso e rifiutare la gioia,
anche questo finirà, lo sento,
tutto scivola con noi nell’abisso del tempo.

Ma quel nuovo passo sulla scala dell’uomo
e quel modo di viverlo e vederlo,
che fummo sulla lunga ora di morte
se non l’occhio che ha visto il piede che esplora,
il principio di un gesto interminabile
e l’amore felice di non compiersi.

Il vero amore che sa tornare al silenzio,
la vita consapevole di restare sommersa.
Fummo gli altri dopo di noi, la parola nel vento;
e tre uomini come noi che al ritorno pregavano in locale
isolato.
Guardateci nel nostro vero volto,
noi che fummo il presente e il passato, l’amore e il tempo.

Dello stesso autore: Ottobre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti