Non vedono se stessi gli spazi turchini

Non vedono se stessi gli spazi turchini
(Stepan Shchipachev Shchipachi, Russia 7/1/1899 – Mosca, Russia 1/1/1980)

Non vedono se stessi gli spazi turchini,
e nel freddo perenne sono limpidi, puri,
non vedono se stesse le montagne nevose,
il fiore non vede la propria bellezza.

Ed è dolce sapere, vagando nei boschi
oppure scendendo da un viottolo alpestre,
che la natura si entusiasma di se stessa
coi tuoi occhi insaziabili.

Dello stesso autore: Sappiate custodire l’amore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti