MARG

MARG
(Giorgio Bassani Bologna 4/3/1916 – Roma 13/4/2000)

Non saprei dire se di giorno o di notte se calpestando
io l’opposto marciapiede oppure se rapido
una volta di più passando
via con la macchina
ricordo però assai bene d’aver letto qualche mese
fa giusto al principio
dell’inverno
scritto a caratteri maiuscoli e cubitali sopra un intonaco
dilavato di periferia con un pennello
intinto in una scura vernice color sangue
rappreso
– e facevano le lettere una specie d’arco in lieve un poco esitante
salita quasi ad esprimere
anch’esse nel loro incerto flettersi la tenerezza
commemorante d’ogni supremo
addio –
ciao dolcissima Marg proprio così
CIAO DOLCISSIMA MARG. e
nient’altro
Dove sei Marg – non faccio da allora che chiedermi – dove vivi in quale
anonimo quartierino del Salario del Tiburtino o del
Trionfale
dormi vegli parli mangi ridi sospiri gridi
piangi eccetera
trascini da una stanzuccia all’altra fino all’asfittico
balconcino la già molle
tua anca di imminente
Margherita
fai ondeggiare fra le magre scapole lunga
fino alla vita fino all’esile
giro dei blue
jeans
la fulva enorme
treccia
e dove mai sarà lui soprattutto – ignoto
completamente al comune lager metropolitano e forse persino
a te stessa –
lui l’ugualmente dolcissimo tuo
poeta?

Dello stesso autore: Per scherzo e per gioco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti