(O ti adatti o sogni)

(O ti adatti o sogni) (Ida Travi n. a Cologne, Brescia il 21/9/1948) O ti adatti o sogni. Si fa presto a dire Il muro era altissimo, io sono uscita dall’altra parte. Era aperto dall’altra parte Giusto il tempo di prendere il paltò Giusto il tempo di vedere l’inverno dappertutto L’inverno è arrivato dappertutto Tu […]

Tutte le sfumature di rabbia

  Giornata Internazionale di Solidarietà per il Popolo Palestinese Tutte le sfumature di rabbia (Rafeef Ziadah n. a Beirut, Libano nel 1979) Permettimi di parlare in arabo, la mia lingua, prima che occupino anche quella Permettimi di parlare la mia lingua madre prima che colonizzino anche la sua memoria Sono una donna araba di colore […]

Ultima volontà e testamento

Ultima volontà e testamento (James Koller Oak Park, Illinois, USA 30/5/1936 – Joplin, Missouri, USA 10/12/2014) Voglio solo cielo blu sopra di me. Voglio le nuvole, tante Di loro, varie, fugaci, mutevoli al passaggio Voglio le notti più nere Piene di stelle cangianti, voglio che gli uccelli mi trovino, voglio il caldo respiro degli animali. […]

Quaderni di rose e civiltà

Quaderni di rose e civiltà (Nicole Brossard n. a Montréal, Canada il 27/11/1943) Poema per capire come ci si possa piegare ad un’idea sfiorando coi capelli il fondo del silenzio qualunque sia il mese qualunque la ferita o il tenero colore del meriggio tu anneghi nella lingua la lingua e il suo salato mormorio non […]

Il miscredente

Il miscredente (Elizabeth Bishop Worcester, Massachusetts, USA 8/2/1911 – Boston, Massachusetts, USA 6/10/1979 – Premio Pulitzer per la poesia 1956) Dorme sulla cima dell’albero maestro. Bunyan Dorme sulla cima dell’albero maestro con gli occhi serrati. Sotto di lui si sciolgono le vele come le lenzuola del suo letto, esponendo all’aria notturna la testa del dormiente. […]

Le assassinate

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne Le assassinate (Gioconda Belli n. a Managua, Nicaragua il 9/12/1948) Il minuscolo piede della donna Fuoriesce da sotto il lenzuolo Bello il piede, delicato. Di certo gli piacerebbe andare con le unghie dipinte Indossare scarpe alte ed eleganti. L’altro piede conserva, tuttavia, Il sandalo del quotidiano, da lavoro. […]

Poesia di Aurbun

Poesia di Aurbun (Hayden Carruth Waterbury, Connecticut, USA 3/8/1921 – Munnsville, Stato di New York, USA 29/9/2008) Un libro che leggevo stamattina di Milan Kundera dice così: “Nell’algebra dell’amore un figlio è il simbolo della magica somma di due esseri”. E ora quella figlia ha trentanove anni; soffre di un cancro che ci hanno detto […]

Ti ho visto arrivare con mani come ferri incandescenti

Ti ho visto arrivare con mani come ferri incandescenti (Miriam Reyes n. a Ourense, Spagna il 29/12/1974) Ti ho visto arrivare con mani come ferri incandescenti. Venivi a marcare il tuo bestiame smarrito. Dicevi di avere il potere e ti tremavano le mani. Dicevi di avere il potere. Tu, signore dell’ira, padrone della rabbia, sulle […]

L’attimo sospeso

L’attimo sospeso (Jorge Enrique Adoum Ambato, Ecuador 29/6/1926 – Quito, Ecuador 3/7/2009) Quando il marinaio di Triana, con la bocca tra le mani, gridò: “Terra!”, e l’Ammiraglio credette terminata la sua avventura, l’astronomo che spiava molti secoli la morte di una stella, il copista sul punto di trovare la pagina in cui aveva perso il […]

Le cose

Le cose (Luis Felipe Vivanco San Lorenzo de El Escorial, Spagna 22/8/1907 – Madrid, Spagna 21/11/1975) Le cose. E la casa serrata. (Inchiodare chiodi per appendere i quadri.) Aver casa. Avere per sempre una sposa. E amarla. Guardarla con occhi che riacquistano il non sapere, amandola senza parlare, a lei vicino, con lei coincidendo nello […]

Vai alla barra degli strumenti