Discorso ed epilogo

Discorso ed epilogo
(Ingeborg Bachmann Klagenfurt, Austria 25/6/1926 – Roma 17/10/1973)

Non varcare le nostre labbra,
parola che semini il drago.
È vero, l’aria è soffocante,
la luce schiuma di acidi e fermenti,
sulla palude nereggia un velo di zanzare.

Ama le bicchierate la cicuta.
È in mostra una pelle di gatto:
la serpe s’avventa soffiando,
lo scorpione inizia la danza.

Non raggiungere le nostre orecchie,
fama dell’altrui colpa:
parola, muori nella palude
da cui la pozzanghera sgorga.

Parola, stai al nostro fianco
tenera di pazienza
e d’impazienza. Bisogna
che questa semina abbia fine!

Non domerà la bestia colui che ne imita il verso.
chi rivela segreti d’alcova, rinunzia per sempre all’amore.
La parola bastarda serve al frizzo per immolare uno stolto.

Chi ti richiede un giudizio su questo straniero?
Se non richiesto lo formuli, prosegui tu il suo cammino
da una nottata all’altra con le sue pieghe ai piedi: va’!
e non ritornare.

Parola, sii nostra,
libera, chiara, bella.
Certo dovrà avere fine
ogni cautela.

(Il gambero si ritrae,
la talpa dorme troppo,
l’acqua dolce dissolve
la calce, che pietre ha filato).

Viene, benevolenza fatta di voci e d’aliti,
questa bocca fortifica
quando la nostra fralezza
ci inorridisce e inceppa.

Vieni e non ti negare,
poiché in conflitto siamo con tanto male.
Prima che sangue di drago protegga l’avversario
questa mano cadrà dentro il fuoco.
O mia parola, salvami!

(Trad.: M.T. Mandalari)

Della stessa autrice: Al soleHôtel de la PaixIl gioco è finitoInvocazione all’Orsa MaggioreNella bufera di rosePaese di nebbiaSpiegami, AmoreTutti i giorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti