Discorso ed epilogo

Discorso ed epilogo (Ingeborg Bachmann Klagenfurt, Austria 25/6/1926 – Roma 17/10/1973) Non varcare le nostre labbra, parola che semini il drago. È vero, l’aria è soffocante, la luce schiuma di acidi e fermenti, sulla palude nereggia un velo di zanzare. Ama le bicchierate la cicuta. È in mostra una pelle di gatto: la serpe s’avventa […]

La preghiera dell’ateo

La preghiera dell’ateo (Miguel de Unamuno Bilbao, Spagna 29/9/1864 – Salamanca, Spagna 31/12/1936) Ascolta il mio pregare Tu, Dio che non esisti raccogli nel tuo nulla queste mie doglianze. Tu che ai poveri uomini nulla consenti senza consolazione di inganno. Non resisti alla nostra supplica e di nostra brama ti adorni. Quando più dalla mia […]

Settembre a Venezia

Settembre a Venezia (Alfonso Gatto Salerno 17/7/1909 – Capalbio, GR 8/3/1976) Hanno il colore delle navi morte in un’alba lontana quei colombi rimasti soli sulla grande piazza. E l’agro odore della mareggiata, di là dove verdeggia al cielo e ai vetri del temporale un’isola di luce, qui resta come un barbaglìo di tende e di […]

Datemi un varco

Datemi un varco (Tommaso di Ciaula n. ad Adelfia, BA il 27/9/1941)) In questo mare di gente ho perso la pista dei fiumi, ho perso la pista dei boschi ho perso la strada del sole in questo mare di gente. Gente! Datemi un varco, non pestatemi non alitate sul mio volto tutta la vostra rabbia, […]

CANTO IX – Ultimo canto di Saffo

CANTO IX – Ultimo canto di Saffo (Giacomo Leopardi Recanati, MC 29/6/1798 – Napoli 14/6/1837)      Placida notte, e verecondo raggio della cadente luna; e tu, che spunti fra la tacita selva in su la rupe, nunzio del giorno; oh dilettose e care, mentre ignote mi fûr l’Erinni e il Fato, sembianze agli occhi miei; giá […]

A te leggo le mie poesie

A te leggo le mie poesie (Cintio Vitier Key West, Florida, USA 25/9/1921 – L’Avana, Cuba 1/10/2009) A te leggo le mie poesie perché nascano davvero.                                       Il loro volto di parole mi si disegna nel tuo d’amore per la prima volta, e così protetto mi duole meno la povertà illuminata d’affetto. Emula della dama assorta […]

L’Imbrunire

L’Imbrunire (Giovanni Pascoli San Mauro di Romagna, FC 31/12/1855 – Bologna 6/4/1912) Cielo e Terra dicono qualcosa l’uno all’altro nella dolce sera. Una stella nell’aria di rosa, un lumino nell’oscurità. I Terreni parlano ai Celesti, quando, o Terra, ridiventi nera; quando sembra che l’ora s’arresti, nell’attesa di ciò che sarà. Tre pianeti su l’azzurro gorgo, […]

Autunno

Autunno (Marino Moretti Cesenatico, FC 18/7/1885 – Cesenatico, FC 6/7/1979) Il cielo ride un suo riso turchino benché senta l’inverno ormai vicino. Il bosco scherza con le foglie gialle benché l’inverno senta ormai alle spalle. Ciancia il ruscel col rispecchiato cielo, benché senta nell’onda il primo gelo. é sorto a piè di un pioppo ossuto […]

Agli amici

Agli amici (Primo Levi Torino 31/7/1919 – Torino 11/4/1987) Cari amici, qui dico amici Nel senso vasto della parola: Moglie, sorella, sodali, parenti, Compagne e compagni di scuola, Persone viste una volta sola O praticate per tutta la vita: Purché fra noi, per almeno un momento, Sia stato teso un segmento, Una corda ben definita. […]

L’uomo pesce

L’uomo pesce (Elena Ribet n. a Roma nel 1973) Per inghiottire il sale ci va un uomo pesce della razza che viene dal mare. Per fare una casa ci va un uomo retto con un coltello e una buona lama. Per fare una famiglia ci va un uomo tranquillo che vinca le tempeste, le assorba, […]

Vai alla barra degli strumenti