Momenti scemi

Momenti scemi
(Trilussa pseudonimo di Carlo Alberto Salustri Roma 26/10/1871 – Roma 21/12/1950)

Le lettere ch’ha scritto Rosa mia
l’avrebbe d’abbrucià1, ma nun ciò core2:
le tengo chiuse drento a un tiratore3
framezzo a li mazzetti de gaggia.

Fa tanto bene a ripensà a l’amore
ne li momenti de malinconia:
provi una spece de nun so che sia,
come un piacere de sentì dolore.

Ched’è?4 da che dipenne? Nun saprei:
ma so che ‘st’impressione io me la sento
se rileggo le lettere de lei.

Se tu vedessi quante ce ne stanno!
Me n’avrà scritte armeno un quattrocento…
perché m’ha cojonato più d’un anno!

(1: Le dovrei bruciare)
(2: Non ho il coraggio di farlo)
(3: Un cassetto)
(4: Che cos’è?)

(Da: I sonetti, 1922)

Dello stesso autore: All’ombraEr battesimo civileEr buffoneEr cervoEr congresso de li cavalliEr grillo zoppoEr primo amoreEr Sorcio de città e er Sorcio de campagnaEr testamento d’un arberoFra cent’anniGiordano BrunoGioveL’elezzione der PresidenteL’onestà de mi’ nonnaLa campana de la ChiesaLa Cecala d’oggiLa cornacchia libberaleLa MascheraLa ninna-nanna de la guerraLa scappatella del LeoneLa terza RomaNatale de guerraNummeriRiunione clericaleRomolo e RemoStella cadenteUn re umanitario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *