San Giovambattista

San Giovambattista
(
Giorgio Caproni Livorno 7/1/1912 – Roma 22/1/1990)

Tersa per chiari fuochi
festosi, la notte odora
acre, di sugheri arsi
e di fumo.

Intorno a un falò d’estate
imita selvagge grida
uno stuolo di bimbi.

S’illuminano come esclamate,
ad ogni scoppio di razzo,
le chiare donne sbracciate
ai balconi.

(Voci e canzoni cancella
la brezza: fra poco il fuoco
si spenge. Ma io sento ancora
fresco sulla mia pelle il vento
d’una fanciulla passatami a fianco
di corsa).

(Da: Come un’allegoria, 1936)

Dello stesso autore: AlbaCongedo del viaggiatore cerimoniosoDietro i vetriFurtoIl mare brucia le maschere…IncontroLitanìaLo stravoltoMaggioMarzoMio nome avvicinatiPensiero pioPer leiPerchè restarePreghieraPreghiera d’esortazione o di incoraggiamentoSei ricordo d’estateSotto le stelleVersicoli quasi ecologici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *