I miei gatti

I miei gatti
(Charles Bukowski Andernach, Germania 16/8/1920 – San Pedro, California, USA 9/3/1994)

Lo so. Lo so.
Sono limitati, hanno diverse
esigenze e
preoccupazioni
ma io li guardo e apprendo.
Mi piace il poco che sanno
che in fin dei conti
è molto.
Si lamentano ma
non si angustiano,
avanzano con sorprendente dignità.
dormono con una tale semplicità
che agli umani sfugge.
I loro occhi sono
più belli dei nostri
e possono dormire per venti ore
al giorno
senza esitazione o
rimorso.
Quando mi sento
abbattuto
devo solo guardare
i miei gatti
e mi torna il coraggio.
Studio queste
creature.
Sono i miei
maestri.

Dello stesso autore: Bacio della buonanotte ai vermiDinosauriaLa donna idealeLa vita di BorodinL’uomo del SignoreLancia il dadoNoi e loroPrimo amoreRagazza in minigonna che legge la bibbia davanti alla mia finestraSissignore!SplashUna per una vecchia dente-tortoUna poesia è una cittàVoi sapete e io so e tu sai

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *