Auguri Europa!

Auguri Europa!
(Elvio Cipollone n. a Cese, AQ il 10/4/1954)

Mia cara Europa
Ti rivedo mentre giocavi con le compagne sulla spiaggia
e nulla sapevi del tuo destino quando venne un toro
a strapparti all’innocenza. Era l’ultimo dei miei figli travestito
il più focoso, il più avido di conquiste, Zeus.
Ti sedusse con le sue corna a forma di luna
il petto robusto, la possente schiena, il candido mantello
e tu ti lasciasti condurre nel cuore del Mediterraneo
lì dove iniziasti a generare figli.
Poi si sono moltiplicati e hanno popolato ogni tuo angolo
imparando a parlare lingue diverse: fu l’errore
il peccato originale che portò
incomprensioni e paure, guerre e genocidi.
Ora forse hanno capito e provano a ristabilre gli antichi legami
a considerarsi di nuovo fratelli
ma la vera sfida è tornare a esprimere i pensieri
i dubbi e i desideri in un’unica lingua
affinché ognuno capisca tutti
e allontani da sé l’angoscia dell’ignoranza.
Così il mio augurio per i tuoi figli, Bella Europa,
è che non dimentichino di discendere dall’Olimpo
che non restino prigionieri dell’orizzonte economico
che prendano in mano la bandiera dell’arte
coltivino la lirica, ragionino sul senso ultimo dell’umane vicende
amino la bellezza e disdegnino l’inganno
la furbizia e l’ingiusta emarginazione dei deboli.
Se sapranno resistere all’illusione che lo strumento monetario
sia sufficiente a dissolvere i confini eretti e presidiati per millenni,
se cercheranno l’unità profonda condividendo le idee
la poesia, la scienza e le emozioni
allora tu sarai il luogo del ritorno alla purezza
là dove s’avvia il risanamento del pianeta
unica strada per ristabilire l’amore
tra la madre (Terra) e il figlio (Uomo).
Ti abbraccio, ora e sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *